Al via i lavori per la Chiesa di Madonna di Campagna e del Lazzaretto

Grazie ad un avanzo di amministrazione sono state stanziate delle risorse per salvaguardare e valorizzare due opere importanti che fanno parte del grande patrimonio dell’architetto veronese Michele Sanmicheli. Alla chiesa, danneggiata dal fortunale del 2020, sono stati destinati 50 mila euro, anticipando quelli non ancora arrivati dall’assicurazione. Per il Lazzaretto ne sono stati impiegati 60 mila.

Il Comune ha finanziato più di 100 mila euro per il ripristino della copertura in lastre di piombo della Chiesa Santa Maria della Pace di Madonna di Campagna, e del restauro degli intonaci e di messa in sicurezza del tamburo della cupola del Tempietto del Lazzaretto. Un’azione necessaria su due opere dell’architetto Michele Sanmicheli, che sottolinea l’attenzione dell’Amministrazione alle segnalazioni che provengono dal territorio riguardo ad un patrimonio che non è solo monumentale, ma anche di grande valore per la nostra comunità.

«Con un avanzo di Amministrazione sono state inserite queste due opere richieste da tempo dalla Circoscrizione e anche dalle associazioni – spiega l’assessore al Bilancio Michele Bertucco -. Sono importanti perché ci era stata segnalata una situazione di pericolo, quindi abbiamo cercato di trovare i fondi per realizzarli e finanziare questi interventi».

LEGGI E GUARDA ANCHE: Dentro al nuovo sottopasso di via Città di Nimes a Verona

La chiesa di Madonna di Campagna infatti aveva subito gravi danni, causati dal forte temporale abbattutosi sulla città il 23 agosto 2020. Da allora non sono ancora arrivati i soldi dall’assicurazione, quindi il Comune ha deciso di anticipare i tempi stanziando 50 mila euro evitando così che la situazione peggiorasse. A questi ne sono stati aggiunti altri 60 mila, destinati alla ristrutturazione del Tempietto del Lazzaretto, la parte più importante rimasta del sito che, deteriorata nel tempo, rischiava di cadere a pezzi. Ora invece, una volta rimesso in sicurezza e restaurato, sarà anche fruibile dalle associazioni del territorio. I lavori dovrebbero essere realizzati entro settembre.

Gli interventi

Nella Chiesa Santa Maria della Pace verrà eseguita una tassellatura degli elementi in piombo compromessi e non recuperabili, nel fissaggio di nuove viti, dove necessario, protette da borchie del medesimo materiale delle lamiere, eliminando i sollevamenti e quindi anche il pericolo di strappo in caso di ulteriori forti eventi meteorologici. Al Tempietto del Lazzaretto l’intervento consisterà nella revisione del manto di copertura del portico, con sostituzione dei coppi lesionati e controllo dell’orditura lignea portante, consolidamento del sistema canniccio-intonaco della volta a botte del portico, ripristino dell’intonaco caduto e della tinteggiatura. A questo si aggiungono il restauro e consolidamento della cornice in pietra del tamburo, il restauro degli intonaci interni ed esterni del tamburo. Ad illustrare gli interventi sono intervenuti questa mattina in Sala Arazzi l’assessore al Bilancio Michele Bertucco, il presidente del Consiglio Comunale Stefano Vallani e, per la Circoscrizione 7^ il presidente Carlo Pozzerle e il consigliere Luciano Sterzi.

LEGGI ANCHE: Omicidio di Villafranca, il presunto responsabile si costituisce

«Già durante la precedente amministrazione avevamo evidenziato la necessità di intervenire – ha detto il presidente Stefano Vallani – ma non si era fatto nulla. Questo finanziamento dunque arriva come una manna perché dà la possibilità di mettere in sicurezza la Basilica, vista anche la situazione meteorologica negli ultimi anni. La stessa cosa vale per il Lazzaretto, dove varie associazioni svolgono la loro attività e che deve dunque essere maggiormente valorizzata, ma bisogna sistemarlo. Questo è un primo grande supporto che l’amministrazione vuole dare a due opere sammicheliane nel territorio della 7^ Circoscrizione».

«Finalmente – dice soddisfatto il presidente Carlo Pozzerle – riusciamo a fare questo intervento che ci permetterà di utilizzare e conservare i luoghi. In particolare vi opera l’Associazione Amici del Lazzaretto, che potra svolgere al meglio le proprie attività. È un inizio per dare un futuro a due monumenti storici della nostra circoscrizione».

«Conservare questo patrimonio della nostra storia – conclude il consigliere Luciano Sterzi – è sicuramente un presidio importante e prezioso per la nostra comunità».

LEGGI ANCHE: Idee per l’ex Seminario di San Massimo: svelate le tre proposte vincitrici