Aggressione Padova. Donazzan: «Rispetto delle idee è principio irrinunciabile»

Vicinanza anche da parte dell’assessore veneto all’Istruzione, Elena Donazzan, nei confronti di Alberto Bortoluzzi e Nicolò Calore, esponenti di CasaPound e Lega aggrediti tre giorni fa a Padova da alcuni soggetti appartenenti a centri sociali della zona.

«La notizia che gli indizi fino ad ora raccolti stiano portando gli inquirenti a concentrarsi sulla pista di un raid mirato contro il docente Alberto Bortoluzzi è un fatto gravissimo che merita una condanna unanime». Così interviene l’assessore regionale all’Istruzione Elena Donazzan, in merito all’aggressione avvenuta lo scorso 25 aprile a Padova ai danni di Alberto Bortoluzzi e Nicolò Calore. I due, secondo gli inquirenti, sarebbero stati aggrediti e picchiati da alcuni estremisti dei centri sociali solo perchè afferenti a Lega e CasaPound.

«Professore nelle nostre scuole – prosegue l’assessore – Alberto Bortoluzzi è un uomo di profonda cultura: assurdo che questo sia il fattore scatenante di un vile ed insensato pestaggio ai danni suoi e dell’ex consigliere comunale leghista Calore. Tutte le istituzioni, gli intellettuali ed il mondo della scuola e della cultura si stringano attorno ad Alberto Bortoluzzi, affinché non si accettino intimidazioni e violenze di sorta – conclude l’Assessore – siamo al fianco degli inquirenti perché vadano fino in fondo nel riconoscere gli autori di questa brutale aggressione, immersa in un clima da anni di piombo che a Padova si respira e che forse è stato finora troppo sottovalutato. Questi soggetti vanno puniti perché la civiltà ed il rispetto delle idee sono principi non rinunciabili in una democrazia».