Affi, presentato il progetto di ampliamento della SR 450

Ieri mattina è stato presentato il progetto dei lavori di messa in sicurezza e allargamento della SR 450 di Affi, volto soprattutto ad alleggerire il traffico.

Affi SR 450
La presentazione degli interventi di miglioramento della SR 450 di Affi

Affi, presentato il progetto di ampliamento della SR 450

«Una volta concluso, il progetto presentato oggi avrà significative ricadute in termini di miglioramento della circolazione viaria e di sicurezza. E a beneficiarne non sarà solo la zona di Affi, ma l’intero territorio del veronese. Verona infatti non è fondamentale solo per il territorio circostante ma riveste un ruolo cruciale per lo sviluppo del sistema infrastrutturale dell’intera Regione».

La presentazione del progetto

Lo ha affermato la vicepresidente e assessora alle Infrastrutture e Trasporti della Regione, Elisa De Berti. Ieri mattina è stato infatti presentato il progetto dei lavori di messa in sicurezza e allargamento della SR 450. Quest’ultimo rientra nell’ambito della Deliberazione della Giunta Regionale. Con essa è stato disposto l’uso di risorse regionali per la realizzazione di interventi infrastrutturali per la messa in sicurezza della rete regionale e della circolazione viaria.

LEGGI LE ULTIME NEWS

Le problematiche della SR 450

Nello specifico, per la S.R. 450 – in gestione a Veneto Strade – la Regione ha finanziato due interventi, nell’ambito di un unico accordo quadro per un valore complessivo di 800mila euro. La strada regionale SR 450 “di Affi” percorre l’entroterra veneto del basso Lago di Garda, collegando l’ex strada statale 11 Padana Superiore (località Cavalcaselle) all’autostrada A22 del Brennero. Negli ultimi trecento metri, in corrispondenza dell’innesto con la rotatoria di Affi, essa presenta una riduzione di careggiata. Ciò crea notevoli rallentamenti al traffico specie nel periodo estivo. Nella carreggiata nord, in particolare, si creano interferenze tra il flusso di veicoli che si dirigono verso l’ingresso del casello autostradale e quelli in direzione Lago di Garda.

I lavori

Di qui la necessità di operare per una messa in sicurezza. I lavori si sono svolti attraverso due contratti applicativi. Il primo (del valore di 400mila euro) è il ripristino della funzionalità idraulica. Ciò è avvenuto con il tombinamento di cunette in tratti saltuari, nei comuni di Castelnuovo del Garda, Lazise, Bardolino, Cavaion Veronese e Affi. Il secondo accordo (sempre di 400mila euro) prevede l’allargamento stradale, dal km 12+800 al km 13+000 dello svincolo di ingresso alla rotatoria. L’obiettivo è creare la seconda corsia di innesto alla rotatoria. I lavori consisteranno inoltre nel tombinamento della cunetta esistente, nella sistemazione e messa in sicurezza dell’isola centrale. Andranno a riposizionare inoltre le barriere stradali, nonché a riposizionare la segnaletica verticale e orizzontale. Infine i lavori coinvolgeranno l’asfaltatura del tratto interessato dall’allargamento. Gli interventi si concluderanno entro il mese di settembre. 

La proposta di De Berti

«Nel caso di strade molto frequentate, come la S.R. 450, ho sottoposto alla valutazione dell’Ing. Vernizzi una proposta. Ho chiesto infatti di installare dei telepass per disincentivare l’abitudine dei mezzi pesanti di uscire dall’autostrada in direzione della regionale di Affi. In questo modo si potrebbero recuperare risorse economiche introducendo una sorta di “vignetta”. Ma non solo: ne gioverebbe anche il traffico veicolare, notevolmente alleggerito, con ricadute importanti su tutto il territorio circostante», ha concluso la Vicepresidente. 

Ricevi il Daily! È gratis

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?👉 È GRATUITO!👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM

radio adige tv