Aeroporto Catullo, assegnato l’Airport Health Accreditation

La certificazione riconosce l’impegno dello scalo nella tutela della sicurezza e salute di passeggeri ed operatori nel fronteggiare la crisi determinata dal Covid-19. Il 15 agosto, primo in Italia insieme all’aeroporto di Venezia, il Catullo ha introdotto il servizio di effettuazione tamponi per i passeggeri in arrivo dai Paesi a rischio.

aeroporti restano aperti coronavirus
L'aeroporto Valerio Catullo di Villafranca-Verona

L’aeroporto Valerio Catullo di Verona ottiene un importante riconoscimento per il suo impegno nel fronteggiare la diffusione del Covid-19. L’Airport Health Accreditation consegnato allo scalo di Verona dall’Airports Council International, che rappresenta oltre mille e 900 aeroporti a livello internazionale, certifica infatti l’efficacia dei protocolli e delle misure introdotti da Catullo, società di gestione dello scalo, che risultano del tutto allineati alle linee guida fornite dall’ Aci Aviation Business Restart and Recovery e alle raccomandazioni dell’ Icao – Council Aviation Recovery Task Force e dell’EASA (European Union Aviation Safety Agency). 

Parte integrante della valutazione da parte di Aci sono stati la pulizia e la disinfezione degli spazi aeroportuali, il mantenimento delle distanze fisiche, le protezioni in dotazione al personale, la comunicazione ai passeggeri. Dall’inizio dell’emergenza, Catullo ha costituito una task force dedicata, che si è concentrata sulla sicurezza di passeggeri e lavoratori con interventi che sono stati indagati e valutati positivamente da ACI.

Tra questi, l’organizzazione degli spazi per garantire il distanziamento sociale, l’incremento delle attività di pulizia e disinfezione delle aree, i controlli della temperatura corporea con termoscanner, la distribuzione all’interno del terminal di gel igienizzanti, una nuova organizzazione delle aree check-in e di imbarco sia per il distanziamento dei passeggeri che per  la protezione degli operatori, la fornitura di dispositivi di protezione individuale ai dipendenti dell’aeroporto, la segnaletica dedicata ai percorsi interni che sono stati parzialmente modificati, integrata da frequenti comunicazioni sonore e dal costante aggiornamento delle informazioni sul sito dell’aeroporto. 

A tutto ciò si è aggiunta, dal 15 agosto, l’effettuazione dei tamponi ai passeggeri in arrivo da Grecia, Spagna, Croazia e Malta che, primo in Italia insieme al Marco Polo di Venezia, il Catullo ha tempestivamente introdotto in collaborazione con l’ Ulss 9 Scaligera. 

«Si tratta di un riconoscimento importante, che attesta l’efficacia delle misure di sicurezza sanitaria introdotte al Catullo con celerità e precisione in un contesto nuovo e in costante evoluzione, grazie alla professionalità di un gruppo di lavoro che in questi difficili mesi non ha mai perso la necessaria concentrazione, raggiungendo standard di salute ed igiene elevati, a beneficio dei passeggeri e di tutti gli operatori dello scalo» dichiara Monica Scarpa, Amministratore Delegato di Catullo e del Gruppo Save.   

«Siamo molto orgogliosi per questo risultato che riconosce a livello internazionale il ruolo dell’aeroporto Catullo nella complessa gestione di una crisi sanitaria senza precedenti» afferma Paolo Arena, Presidente di Catullo S.p.A. «Un ringraziamento particolare va all’Ulss9 Scaligera per la sua attività presso il nostro aeroporto, svolta con la consueta professionalità e in un clima di proficua collaborazione con la nostra struttura».