Abruzzo. Calenda: “Alle europee una lista oltre il Pd”

New call-to-action

Parla di una lista che possa andare oltre il Pd, Carlo Calenda, alla luce delle elezioni in Abruzzo. Secondo Calenda, il momento giusto per presentare la lista alternativa sarebbero le elezioni europee per le quali serve un candidato Pd di riferimento (in attesa dell’elezione del nuovo Segretario). Una responsabilità che, per il politico, potrebbe essere affidata a Paolo Gentiloni.

“Il risultato in Abruzzo mi sembra che confermi che una strategia larga, che vada oltre il Pd, sia premiante. Certamente il centrosinistra non ha vinto, ma se riportiamo questo risultato sulle elezioni europee, sarebbe un successo straordinario”. Lo ha detto Carlo Calenda commentando le elezioni in Abruzzo. “Ora – ha proseguito – è importante che il Pd, il candidato che diverrà segretario, sciolga ogni ambiguità in modo che si possa aprire un tavolo ad altre forze per capire se è realizzabile una lista di un fronte progressista che miri ad un’Europa diversa, come diciamo noi di ‘Siamo Europei'”.

Alle Europee però non ci sarà il candidato presidente a chiarire le posizioni: “È vero – conviene Calenda – per questo alle Europee ci vuole uno ‘spitzenkandidat‘, un candidato punto di riferimento, ed è per questo che si dovrebbe candidare Paolo Gentiloni“. (Ansa)