A22, tra Bolzano e Affi fino a 50 centimetri di neve

Nonostante le copiose nevicate, la notevole mobilitazione di uomini e mezzi programmata già nei giorni scorsi ha permesso di garantire la costante operatività dell’intera autostrada.

Mezzi in azione sulla A22

La vasta e intensa perturbazione in transito da ieri sera sull’Italia non ha risparmiato i territori collegati dalla A22. Questa mattina, in particolare nella tratta compresa tra le stazioni autostradali Bolzano nord e Affi, sono caduti in poche ore fino a 50 centimetri di neve. Minori accumuli, ma precipitazioni persistenti nonostante temperature di molto al di sotto dello zero, a nord di Bolzano fino al Brennero. Scarse o nulle le precipitazioni nevose a sud di Verona.

Tir lungo l’Autostrada del Brennero

La notevole mobilitazione di uomini (circa 300) e mezzi (220 tra lame, spargisale e furgoni degli Ausiliari) programmata già nei giorni scorsi ha permesso di garantire la costante operatività dell’intera A22, nonostante i rapidi accumuli nelle zone più colpite abbiano reso in certi momenti davvero complicato mantenere sempre libero dalla neve il nastro autostradale. Laddove necessario, in particolare a nord della barriera di Vipiteno, dove le pendenze si fanno più impegnative, la sicurezza degli utenti è stata garantita grazie a “treni” di lame che aprivano la strada ai convogli in transito, in modo da assicurare la migliore aderenza possibile tra gli pneumatici e l’asfalto.

Tra le 10:00 e le 15:30, Autostrada del Brennero ha dovuto chiudere in uscita la stazione autostradale di Trento nord per evitare il pericolo di code in autostrada causate dalle momentanee difficoltà della viabilità ordinaria, non più in grado di assorbire ulteriore traffico.