A Verona un nuovo ambulatorio di Immunologia pediatrica

L’attività ambulatoriale, effettuata principalmente dal dottor Matteo Chinello, prevede circa due o tre visite a settimana e la gestione dei pazienti avviene in accordo e insieme al curante, a seconda della gravità.

Sanità in Veneto Ospedale Borgo Trento Verona
L'ospedale di Verona Borgo Trento. Foto d'archivio.

È attivo l’ambulatorio di immunologia pediatrica per le visite ai bambini con patologie immunologiche dell’AOUI Verona. L’ambulatorio ha come obiettivo di creare una trade union con il territorio perché i bambini e ragazzi, dai 0 ai 18 anni, che vengono inviati dai medici curanti con sospetta patologia e presi in carico per le visite e, se necessario, ricoverati in Oncoematologia pediatrica, nell’ospedale di Verona Borgo Trento, diretta dal dottor Simone Cesaro.

LEGGI LE ULTIME NEWS

Febbri periodiche, infezioni ricorrenti o qualsiasi esame prevalentemente ematologico che può destare un sospetto di immunodeficienza, sono le motivazioni principali che spingono un pediatra di libera scelta a inviare un bambino all’ambulatorio ospedaliero per le verifiche sulle patologie immunologiche pediatriche.

L’attività ambulatoriale, effettuata principalmente dal dottor Matteo Chinello, prevede circa due o tre visite a settimana e la gestione dei pazienti avviene in accordo e insieme al curante, a seconda della gravità: in ambulatorio o in regime di day hospital oppure in ricovero. L’Oncoematologia pediatrica esegue trapianti di midollo per le problematiche oncoematologiche e, se necessario, anche per una malattia immunologica, quindi per un’immunodeficienza.

Dott. Cesaro: «Attualmente seguiamo circa una cinquantina di pazienti con immunodeficienze in regime di day hospital, di ambulatorio e di reparto. Dal 2016 ad oggi sono stati trapiantati circa 25 pazienti con immunodeficienza. A breve faremo anche un protocollo di transizione dell’adolescente con i colleghi dell’Immunologia di Borgo Roma con l’obiettivo di creare una cooperazione tra noi immunologi pediatrici, e loro, come immunologi dell’adulto».

LEGGI ANCHE: Dopo il voto: chi ride e chi piange in provincia di Verona