A Verona un corso per imparare a relazionarsi con il proprio cane

Il corso è aperto a tutti i proprietari di cani, mentre è obbligatorio per quelli che ne possiedono uno classificato come “morsicatore” o potenzialmente pericoloso. Il primo incontro è previsto per il 19 maggio.

Cane corso cani Verona

Saper gestire il proprio cane è fondamentale per una convivenza civile e rispettosa, in particolare se l’animale in adozione è di grande taglia e tra quelli potenzialmente aggressivi. Da qui il “Corso di formazione per proprietari e futuri proprietari di cani per l’acquisizione del patentino”, giunto alla 13^ edizione e organizzato dal Comune in collaborazione con l’Azienda ULSS 9 Scaligera e l’Ordine dei Medici Veterinari della Provincia di Verona, che spiega i comportamenti corretti da attuare nelle diverse situazioni.

Il corso

Il corso, l’unico a Verona registrato nella banca dati del cane, è obbligatorio per i proprietari di cani classificati come “morsicatori” o potenzialmente pericolosi, ma è anche aperto a tutti i proprietari e futuri proprietari di cani. Si articola in tre incontri in presenza, con lezioni teorico/pratiche, a cui se ne aggiungono quattordici online, accessibili tramite piattaforma Zoom in modalità asincrona registrata e fruibile in qualsiasi momento, a cura di medici veterinari esperti in comportamento.

Leggi anche: A Verona un ciclo di incontri per una corretta convivenza tra persone e animali

Gli incontri

Venerdì 19 maggio

Il primo incontro sarà venerdì 19 maggio, alle 20.30 in sala Lucchi in piazzale Olimpia 3, dove verrà presentato il programma del corso e saranno date indicazioni per la gestione dei collegamenti asincroni/registrati e dei cani nelle giornate successive.

Lunedì 12 e martedì 13 giugno

A scelta nelle giornate di lunedì 12 e martedì 13 giugno, dalle 20 all’area cani in via Marotto, sarà possibile effettuare attività pratica con i cani insieme a medici veterinari esperti in comportamento ed educatori cinofili (presenza obbligatoria dei cani classificati come “morsicatori”). Verrà spiegata la gestione della passeggiata, l’abitudine al collare o alla pettorina, l’abitudine alla spazzola, il richiamo, il gioco, la relazione cane-proprietario.

Martedì 20 giugno

Infine la chiusura del corso sarà martedì 20 giugno, a partire dalle 20, con attività pratica tenuta da educatori cinofili in campo, per poi ricevere l’attestato di frequenza e il rilascio del patentino dopo aver superato il relativo esame finale.

Come iscriversi

Le iscrizioni sono aperte fino al 15 maggio per un massimo di 55 posti disponibili. Per partecipare si deve inviare una mail all’indirizzo animali@comune.verona.it, mentre per qualsiasi informazione è possibile visitare la pagina dedicata sul sito del Comune. Sarà possibile iscriversi anche nel corso della prima giornata, qualora ci fossero ancora posti disponibili.

Il corso è stato presentato ieri mattina in Sala Arazzi. Sono intervenuti il consigliere comunale con delega alla Tutela e Benessere degli Animali Giuseppe Rea, la veterinaria Camilla Siliprandi, per AULSS 9 Franco Pasetto e la dirigente Direzione Ambiente Barbara Likar.

«Ad oggi – spiega il consigliere Giuseppe Rea – la legge prevede un obbligo di acquisizione del patentino solo da parte di proprietari di cani interessati da comportamenti di aggressività o morsicatura. Oggi ci sono sempre più famiglie con cani o gatti perché fanno parte imprescindibile della nostra vita. Con questa iniziativa estendiamo la possibilità a tutti i proprietari dei cani che vogliono acquisire delle nozioni teoriche ma anche pratiche su una corretta gestione del proprio cane. Prima di tutto per garantire il benessere psicofisico dell’animale, ma allo stesso tempo per ottemperare quel rispetto e quel senso civico anche nei confronti di quelle persone meno sensibili agli animali o che ne sono intimorite. Recepiamo i suggerimenti che vengono dall’USSL e dall’Ordine dei Medici Veterinari, un’importante opportunità a tutti i proprietari dei cani».

«È necessario divulgare una cultura di adozione consapevole, soprattutto per determinate razze di cani che riteniamo più impegnative – ha affermato Camilla Siliprandi -. Come medici veterinari abbiamo a cuore questo tipo di iniziative, che ci auguriamo vengano rese obbligatorie».

«L’ULSS 9 è come ogni anno al fianco del Comune in questa importante iniziativa – ha sottolineato Franco Pasetto -. Questo patentino è l’unico che viene poi registrato nella banca dati del cane. Ci auguriamo che questi corsi vengano svolti non solo dai proprietari di cani valutati a rischio, ma resi obbligatori ai possessori e nuovi possessori di cani, per fornire un’adeguata cultura riguardo la pre-adozione dell’animale».

«Nell’ambito della direzione Ambiente del Comune c’è il Servizio per la Tutela degli animali – ha ricordato la dirigente Barbara Likar – recepiamo i suggerimenti e collaboriamo per supportare l’attività di svolgimento di questi corsi, che vengono proposti di anno in anno, augurandoci che sempre più persone possano cogliere queste opportunità».