A Verona si pianifica la riapertura degli orti comunali

L'amministrazione di Verona sta predisponendo l'apertura degli orti comunali, per permettere a ciascun assegnatario di tornare a curare la propria porzione di terreno.

giovani nei campi agricoltura coldiretti orto orti comunali verona
Foto d'archivio.

L’amministrazione di Verona sta predisponendo l’apertura degli orti comunali, per permettere a ciascun assegnatario di tornare a curare la propria porzione di terreno in sicurezza e nel rispetto delle misure anti contagio. Il sindaco Federico Sboarina ha chiesto agli otto presidenti di Circoscrizione un piano per la riapertura, distribuite su tutto il territorio comunale, in cui, per ciascun assegnatario, sia indicato il giorno e l’orario in cui poter recarsi nel proprio orto.

Per il sindaco si tratta di «piccoli ma importanti tasselli in vista della graduale riapertura delle attività economiche, che deve essere spedita ma assolutamente rigorosa delle misure di prevenzione». Così li ha definiti nel punto stampa in streaming di ieri, illustrando i provvedimenti e le misure di sicurezza ad essi legati insieme all’assessore al Commercio Nicolò Zavarise.

«L’obiettivo è quello di procedere il più velocemente possibile, ma nel più rigoroso rispetto di tutte le nome di sicurezza e delle misure anti contagio – ha detto il sindaco -. Vale per gli orti comunali così come per i banchi alimentari dei mercati. A Verona, con ordinanza specifica, avevo vietato anche i banchi alimentari perché eravamo nel momento di maggior diffusione del contagio e avrebbero potuto essere luoghi a rischio assembramento».

«A distanza di un mese, considerate le nuove abitudini acquisite dai cittadini, l’obbligo dei dispositivi di protezione quando si esce, e in virtù della curva dei contagi, abbiamo pensato di riaprire i banchi alimentari inserendoli nel graduale percorso di ritorno alla normalità. Fermo restando le dovute cautele e il rispetto delle misure preventive, per le quali sono ancora in vigore le sanzioni. Ecco perché ho già dato disposizione al comandante Altamura di potenziare i controlli in tutte le situazioni più a rischio. Nelle ultime 24 ore i nuovi contagi sono stati 72, un numero che ci dice che la fase 1 non è ancora finita e che sono ancora necessarie tutte le precauzioni. Vogliamo accompagnare la comunità verso il graduale ritorno alla normalità, ma per accelerare tutto ciò è indispensabile che i cittadini dimostrino responsabilità e rispetto delle regole».

«L’apertura del mercato alimentare di via Poerio – ha detto l’assessore Zavarise – rappresenta un importante segno di speranza per la comunità e un primo passo verso il progressivo ritorno alla normalità. È anche un grande atto di fiducia nei confronti delle associazioni di categoria e dei singoli operatori perché ricordo che l’ordinanza regionale vieta i mercati, a meno che non sia previsto un apposito piano di sicurezza, come quello che abbiamo condiviso. Ringrazio tutti per la collaborazione, per Verona è un bel segnale. Il ritorno dei banchi alimentari rappresenta, infine, un’opportunità di ripartenza economica per gli operatori, che sono tra le categorie più colpite da questa crisi sanitaria. Nel rispetto delle normative anticontagio, abbiamo fatto il possibile per andare incontro alle categorie».