A Verona i primi due interventi di chirurgia con l’aiuto del robot Hugo

Il vantaggio della chirurgia robotica è di aumentare la precisione del chirurgo, garantire risultati migliori e minori tempi di recupero per i pazienti. Quelli di martedì sono stati i primi due interventi di Hugo in Veneto, e tra i primi in Europa.

Robot Hugo AOUI Verona
Il nuovo robot Hugo
New call-to-action

Il robot Hugo ha agito per la prima volta in Veneto. Da martedì, AOUI Verona utilizza l’alta tecnologia del nuovissimo sistema robotico impiegato in urologia con le prime due prostatectomie, che si sono svolte nel blocco operatorio del Polo Confortini, realizzate dal direttore di Urologia professor Alessandro Antonelli e dalla sua équipe. 

L’utilizzo di Hugo è il primo in assoluto in Veneto e tra i primissimi in tutta Europa. AOUI Verona è infatti tra le poche strutture sanitarie pubbliche che si sono già dotate dell’ultima tecnologia Medtronic, in Italia solo Milano e Roma. La chirurgia robotica è impiegata quotidianamente nelle urologie delle maggiori strutture ospedaliere (pubbliche e convenzionate) per le procedure chirurgiche più complesse. Il vantaggio della chirurgia robotica è di aumentare la precisione del chirurgo, garantire risultati migliori e minori tempi di recupero per i pazienti. Tutte funzioni che vengono assicurate sempre meglio dalle macchine di ultima generazione.

Robot Hugo AOUI Verona
Il direttore di Urologia professor Alessandro Antonelli (a destra) e la sua équipe

LEGGI LE ULTIME NEWS

AOUI Verona ha investito molto sulla robotica, sia come risorse sia come progettualità. Questo robot e altri sistemi chirurgici, che sono in via di implementazione, saranno presentati a breve pubblicamente. 

«Nei casi operati martedì – ha detto il prof Antonelli -, abbiamo utilizzato la robotica per curare la neoplasia della prostata. L’intervento è estremamente delicato perché deve rimuovere il tumore ma anche risparmiare le funzioni della continenza urinaria e dell’erezione, regolate da strutture anatomiche vicine alla prostata che è possibile salvaguardare solo con una chirurgia di alta precisione. Il sistema robotico Hugo si differenzia in maniera sostanziale da altri sistemi già in commercio. Innanzitutto le quattro braccia sono montate su supporti indipendenti e quindi possono essere utilizzate con grande versatilità, adattandosi al singolo paziente. Inoltre la consolle di nuovissima concezione da cui il chirurgo comanda le braccia è dotata di una visione tridimensionale HD, ed è “aperta”, cioè costituita da un ampio monitor invece che da visori binoculari, permettendo così al chirurgo di comunicare facilmente con gli altri operatori».

«È un ulteriore passo nell’implementazione della chirurgia robotica che rende AOUI sempre più all’avanguardia a livello internazionale – ha aggiunto Callisto Bravi, direttore generale AOUI Verona -. La direzione su cui lavoreremo è quella di estendere la robotica anche alle altre specialità. L’intero progetto verrà spiegato dettagliatamente il 20 aprile alla città e alla comunità scientifica».

Leggi anche: Il vino potrebbe ridurre alcuni “nemici” del cuore: lo studio a Verona

Robot Hugo AOUI Verona
Il nuovo robot Hugo nel reparto di chirurgia urologica

Ricevi il Daily! È gratis

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!

CLICCA QUI

👉 SEGUI LE ISTRUZIONI
PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM