A Verona arriveranno a breve 20 autobus elettrici

L'assessore alla mobilità Ferrari incontra il presidente Atv Bettarello: dai nuovi sistemi green al progetto filobus, uno sguardo a 360 gradi su nodi e prospettive per migliorare il servizio cittadino.

Massimo Bettarello, presidente Atv, e Tommaso Ferrari, assessore alla Mobilità di Verona
Massimo Bettarello, presidente Atv, e Tommaso Ferrari, assessore alla Mobilità di Verona

Forte impulso alla transizione energetica verso l’elettrico, massima integrazione tra la futura rete del filobus e quella dei bus, anche con il superamento dei punti critici viabilistici che oggi ne rallentano la velocità commerciale. Ma soprattutto una risposta all’emergenza risorse, che sta spingendo le aziende di trasporto pubblico sull’orlo del collasso economico. Sono i principali temi di confronto sui quali si è concentrato ieri l’incontro tra l’assessore alla Mobilità Tommaso Ferrari, il presidente di ATV Massimo Bettarello ed il direttore generale Stefano Zaninelli, in occasione della prima visita del neo assessore all’Azienda di Lungadige Galtarossa.

LEGGI ANCHE: Atv offre tre posti di lavoro a tempo indeterminato

Piena sintonia tra i vertici Atv e l’assessore alla Mobilità sul tema della transizione energetica verso un sistema di trasporto pubblico green, basato sull’elettrico quindi privo di emissioni inquinanti da parte dei mezzi. Un aspetto questo, assolutamente prioritario per il miglioramento della qualità dell’aria e quindi per la salute dei cittadini veronesi: i 10 milioni di finanziamento statale sbloccati dall’Amministrazione comunale permetteranno ad ATV di acquistare nell’immediato 20-25 autobus elettrici, cui se ne aggiungeranno altrettanti grazie ad una seconda tranche di contributi per il quinquennio 2024-2029.

«Ma ulteriori finanziamenti cui avremo accesso – puntualizza il presidente Bettarello – ci permettono di arrivare complessivamente all’acquisto di un centinaio di bus entro i prossimi 10 anni, riconvertendo così quasi tutta la flotta urbana alle zero emissioni».

LEGGI ANCHE: Il filobus a Verona si fa

Autobus bus Atv Stazione Porta Nuova
Un autobus di Atv a Porta Nuova

L’incontro Atv-Comune

«Ringrazio l’assessore Ferrari per la disponibilità dimostrata e per l’impegno da parte dell’Amministrazione comunale nel considerare il servizio di trasporto pubblico come elemento di centralità per lo sviluppo sostenibile della città» è il commento del presidente Bettarello, cui preme evidenziare il momento di estrema criticità che sta attraversando il settore.

«Da un lato i prezzi delle materie prime fuori controllo, e in particolare quello del metano, quadruplicato in pochi mesi, dall’altro il contesto della pandemia che ci ha sottratto una quota rilevante di utenza ancora difficile da recuperare, oltre ad un rinnovo del CCNL che pesa per 1,5 milioni, rendono necessario un intervento di sostegno straordinario da parte delle istituzioni, per consentirci di raggiungere l’equilibrio di bilancio garantendo un idoneo livello di servizio».

«La normativa infatti stabilisce che in frangenti d’emergenza che vanno oltre il normale rischio d’impresa, lo Stato e la Regione debbano intervenire per compensare gli squilibri causati alle aziende di trasporto. Ci siamo quindi già attivati nelle sedi opportune – continua il presidente di ATV – per sollecitare una revisione dei corrispettivi del contratto di servizio che, lo ricordo, sono fermi dal 2013».

LEGGI ANCHE: Il comandante Altamura: «Borgo Roma non è il Bronx»

«Cambiare l’approccio rispetto all’uso del trasporto pubblico è il passaggio fondamentale per una mobilità cittadina davvero sostenibile» sottolinea l’assessore Ferrari. «L’obbiettivo è renderlo non soltanto comodo ed efficiente, ma ‘appetibile’, deve cioè diventare sempre più spesso la prima scelta per i veronesi di ogni fascia di età, e non l’opzione per chi non ha alternative, come ad esempio anziani, studenti e chi non ha mezzi propri».

«Quanto alla modalità, Atv e Comune lavorano in sinergia portando avanti le proprie mission e gli obiettivi legati. Atv si occupa di migliorare il servizio pubblico, il Comune fa la sua parte ripensando la rete strade in un’ottica di democrazia della carreggiata. Il tempo del primato della mobilità privata è scaduto, bisogna ripensarla dando spazio sempre maggiore, oltre che alla mobilità dolce, alle corsie preferenziali, ai semafori intelligenti, alle zone 30, creando una rete infrastrutturale che agevola davvero gli spostamenti sostenibili. Puntiamo cioè a creare le condizioni per le quali muoversi in bici o in autobus sia preferibile, più comodo e vantaggioso che con l’auto. Per quanto riguarda i tempi, riteniamo che la gara sul trasporto pubblico debba essere bandita a filobus realizzato, solo così si potrà per assicurare la miglior integrazione tra il nuovo mezzo e la flotta già esistente».

LEGGI ANCHE: Cosa fare a Verona e provincia dal 29 settembre al 2 ottobre

I lavori per i nuovi bus elettrici

Per garantire l’approvvigionamento di energia elettrica necessario a muovere la futura flotta di autobus full electric, sarà necessario realizzare una nuova stazione di rifornimento per la quale l’Amministrazione ha dato disponibilità ad individuare un’area idonea ad ospitarla. Saranno inoltre coinvolte nel piano di transizione energetica anche le altre aziende partecipate, in un’ottica di massima sinergia sia nella fornitura che nell’utilizzo delle risorse.

LEGGI LE ULTIME NEWS

Da sx: il direttore generale di ATV Stefano Zaninelli e il presidente Massimo Bettarello
Il direttore generale di Atv Stefano Zaninelli e il presidente Massimo Bettarello

Verso il filobus

Ulteriore tema cruciale affrontato nell’incontro è quello del futuro filobus, ed in particolare della mitigazione degli inevitabili disagi legati all’apertura dei prossimi cantieri, tra cui quello di via Città di Nimes, arteria vitale della viabilità cittadina. «Di fronte alle prevedibili difficoltà cui andrà incontro la circolazione – sottolinea il Direttore generale Stefano Zaninelli – ci siamo resi disponibili a concordare con l’Amministrazione un piano di potenziamento del servizio bus per offrire una valida alternativa alla mobilità privata inevitabilmente penalizzata dalle deviazioni. A questo scopo potrebbero essere garantiti ai bus percorsi protetti e un’estensione delle corsie preferenziali: consentire ai bus di avere percorsi riservati ci permetterà di aumentare sensibilmente la velocità commerciale, venendo incontro alle richieste dei nostri utenti che desiderano soprattutto puntualità e affidabilità del servizio».

Un importante contributo alla riduzione della congestione da traffico potrebbe arrivare anche dalla stesura di un piano degli orari, con il coinvolgimento dei mobility manager di cui sono dotate le principali aziende ed istituzioni: un maggiore coordinamento di aperture e chiusure degli esercizi come degli ingressi/uscite dalle scuole, con la diluizione degli spostamenti porterebbe indubbi benefici nella riduzione dei tempi di percorrenza, a vantaggio di tutti gli utenti della strada.

LEGGI ANCHE: Verona, scontro auto-moto. Un morto

Ricevi il Daily! È gratis

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!
👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM

radio adige tv