A Velo, prima tappa per scoprire la Verona Preistorica

VERONA – «È una grande soddisfazione presentare, per il terzo anno consecutivo, “I Tesori Veronesi”, un’iniziativa che racchiude, all’interno di un unico ambizioso progetto, attività e appuntamenti legati alla scoperta del patrimonio ambientale del territorio veronese e momenti di elevato spessore culturale». Così Ambrosini, l’assessore alla Cultura e Beni Ambientali, in occasione della presentazione della terza edizione dell’evento che nasce dall’idea di promuovere e fare conoscere ad un pubblico ampio e differenziato le bellezze naturalistiche, architettoniche, artistiche e culturali del territorio della provincia di Verona.

Il titolo e filo conduttore dell’edizione del 2012 è “Alla scoperta delle nostre radici: il territorio veronese dalla Preistoria all’Età Romana” e si svilupperà, come di consueto, nell’arco di sei fine settimana suddivisi in due cicli di appuntamenti: a maggio il 1° ciclo relativo alla Verona preistorica, a settembre il 2° ciclo dedicato alla Verona romana. La novità di questa edizione riguarda, invece, la progettualità più ampia pensata per l’iniziativa che, a partire da quest’anno, sarà strutturata non più su base annuale ma triennale. “I Tesori Veronesi” si trasformano in un vero e proprio viaggio attraverso le epoche storiche: ogni tappa, infatti, sarà collegata per affinità tematica, spaziale ed ordine temporale a quella successiva ed ogni edizione, per tre anni consecutivi, rappresenterà un completamento della precedente. La finalità è quella di dare continuità informativa non solo alle singole tappe ma anche alle varie edizioni: in questo modo sarà infatti possibile, nell’arco di tre anni, seguire gli sviluppi storici del territorio veronese dalle origini fino al Rinascimento.

Il 1° ciclo di appuntamenti de “I Tesori Veronesi 2012” è dedicato alla scoperta del patrimonio ambientale e culturale del nostro territorio relativo alla Verona preistorica. Come di consueto, saranno tre le località che ospiteranno le altrettante tappe del mese di maggio: si parte il 12 e il 13 dalla Lessinia e, precisamente, da Velo Veronese con la tappa inaugurale dal titolo: “Alle origini del popolamento: sulle tracce dell’evoluzione”. La seconda tappa, “Scrivere sulla pietra: segni e simboli del passato”, si svolgerà invece il 19 e 20 maggio nella cornice del Lago di Garda, a Torri del Benaco, alla scoperta dei segni lasciati dagli avi tra le rocce. Infine, sarà Povegliano Veronese, per l’area della Pianura, ad ospitare l’appuntamento conclusivo del 1° ciclo di tappe, il 26 e 27 maggio, dal titolo: “Paesaggi d’acqua: oasi d’incontro tra popoli”.

Oltre alle visite guidate di carattere storico-monumentale e ai percorsi naturalistici, l’iniziativa promuove momenti culturali e di approfondimento, come le conferenze di apertura dei due cicli tenute da esperti. In particolare, la conferenza introduttiva del 1° ciclo di tappe si svolgerà venerdì 11 maggio alle ore 18:30, nella Sala Conferenze del Museo di Storia Naturale di Verona, per illustrare alcune peculiarità e approfondimenti relativi ai luoghi oggetto delle visite.

Non mancheranno, inoltre, occasioni di aggregazione e cultura, come gli eventi del sabato sera, i concerti, gli spettacoli teatrali e le manifestazioni di intrattenimento. L’obiettivo è infatti quello di promuovere, in un unico programma, attività naturalistiche legate ai beni ambientali ed iniziative di interesse storico e artistico, senza rinunciare anche all’approfondimento culturale. La suddivisione degli appuntamenti in diverse aree territoriali della provincia veronese facilita, inoltre, il coinvolgimento di un pubblico differenziato e di tutte le età.

La redazione