A Sommacampagna cresce l’Archivio storico comunale

Si è concluso nella giornata di venerdì 8 maggio 2020 l’allestimento della seconda sala dell’Archivio Storico Comunale di Sommacampagna.

Villa Venier Sommacampagna sede archivio storico comunale
Villa Venier a Sommacampagna

Si è concluso nella giornata di venerdì 8 maggio 2020 l’allestimento della seconda sala dell’Archivio Storico Comunale di Sommacampagna.

L’Archivio Storico Comunale di Sommacampagna, situato al piano nobile di Villa Venier e affacciato sul verde parco della villa veneta di proprietà comunale, è stato inaugurato il 29 marzo 2019, con l’allestimento della prima sala, con un patrimonio documentale compreso tra il 1850 e il 1948.

Si prosegue quindi un’iniziativa promossa dall’attuale assessora alla Cultura Eleonora Principe, nel precedente mandato amministrativo, dando continuità ad un progetto culturale volto alla valorizzazione del patrimonio storico e della memoria di un territorio e alla valorizzazione di Villa Venier, come centro culturale.

La realizzazione delle sale studio viene dopo una lunga fase di inventario e di analisi dei documenti sepolti da decenni nel Palazzo Comunale, Palazzo Terzi, dopo aver individuato la documentazione di maggior interesse storico, circa 600 su un totale di 13mila faldoni.

«L’allestimento della seconda sala si è reso necessario in seguito al riordino del materiale archivistico. Nel frattempo, sapendo dell’esistenza di questo luogo utile alla conservazione di documenti in condizioni di sicurezza, diversi cittadini si sono proposti per donare del materiale, alcuni lo hanno già fatto».

Vecchi carteggi risultano oggi preziosi per la valorizzazione turistica del nostro territorio: «Grazie al lavoro per l’allestimento dell’archivio il Comune di Sommacampagna ha scoperto di essere socio vitalizio del Touring Club e, in virtù di questa associazione, ha firmato una convenzione con Touring Club Italiano per valorizzare l’Ossario di Custoza» racconta Principe.

Una nota interessante, legata all’emergenza sanitaria in corso: le misure di distanziamento sociale sancite dal decreto ministeriale “Io resto a casa” hanno portato diversi cittadini ad aprire i cassetti dei ricordi e a mettere in ordine le storie familiari.

Numerose sono state le richieste da parte di privati cittadini residenti in altre zone d’Italia o all’estero, con origini di Sommacampagna, per avere informazioni relative ai propri avi. La documentazione dello Stato Civile (atti di nascita, matrimonio e morte) resta custodita presso l’ufficio Servizi Demografici che, anche in questo periodo, ha garantito una continuità di servizio, con efficienza e professionalità.

«Con la valorizzazione dell’Archivio Storico Comunale, unito alla creazione dell’Archivio Storico Fotografico disponibile online, l’Amministrazione Comunale vuole fornire strumenti e occasioni ai cittadini per soddisfare il loro interesse nella ricerca storica legata al territorio, alle storie familiari e delle proprie origini. Fondamentale è la collaborazione con altri sistemi archivistici, dal Sistema Archivistico Nazionale agli Archivi territoriali. La ricerca è inoltre occasione per creare turismo, nel suo più profondo significato: girare, viaggiare per conoscere, per formarsi, immergendosi al contempo nella Bellezza» conclude l’assessora Principe.