A cavallo da Monaco a Verona: il raid parte domani

L’iniziativa di Veronafiere promuove il turismo sostenibile. Cavalli e cavalieri percorreranno oltre 600 km: partenza fissata per domani da Monaco e arrivo previsto a Verona il 3 novembre, giornata inaugurale di Fieracavalli.

raid equestre verona monaco fieracavalli

Al via domani il raid equestre Monaco-Verona: una grande iniziativa che abbraccia turismo, territorio e sostenibilità in diversi stati d’Europa. Il progetto è promosso da Fieracavalli Veronafiere, che, a 17 anni dall’ultima edizione, tornano a sensibilizzare il pubblico sui benefici terapeutici del cavallo e a promuovere un turismo lento e sostenibile. 

Partenza prevista per domani dalla celebre Marienplatz di Monaco. Un itinerario di oltre 600 km, suddiviso in 25 tappe, che collega la capitale bavarese al comune scaligero, città ospitante della 124ª di Fieracavalli. Dalla parte meridionale della Baviera al Monte Baldo, fino a Verona, passando per la valle dell’Inn e il Fernpass in Austria, il passo Resia, Passo Palade, Val Venosta e Val di Non e Passo Mendola: cavalli e cavalieri percorreranno dai 20 ai 45 km giornalieri per poter raggiungere Fieracavalli a Verona, nella giornata inaugurale di giovedì 3 novembre.

Il progetto mette al centro il cavallo come richiamo naturale tra uomo e pianeta, oltre che mezzo per sensibilizzare sulle diversità e forme di disabilità, e vuole ricordare due importanti figure del mondo equestre: Mario Palumbo, direttore di Cavallo Magazine, e Roberto Gobbi, già direttore commerciale di Veronafiere e creatore della moderna Fieracavalli, insieme al segretario generale, Angelo Betti.

LEGGI LE ULTIME NEWS

Turismo lento e green sulle sponde del fiume Adige (foto Fieracavalli)

Grazie alla collaborazione dell’Associazione Nazionale Allevatori Cavalli di Razza Bardigiana e di ANAREAI, il Raid promuove l’allevamento italiano e il patrimonio zootecnico italiano. Sono stati infatti selezionati quattro soggetti di cavalli Bardigiani che alla conclusione dell’evento verranno donati a centri dedicati a Interventi Assistiti con gli Animali per aiutare categorie fragili come i detenuti, le donne che hanno subito violenza, ragazzi con problemi di ludopatia e sociopatici, bambini affetti dalla Sindrome dello Spettro Autistico, Sindrome di Down, ipovedenti o affetti da altri tipi di disabilità, che possono trarre beneficio dal rapporto con il cavallo.

Accompagnati da Horse Adventure, quattro cavalieri di Natura a Cavallo, partner fidato per il mondo del Turismo Equestre, si alterneranno lungo il percorso insieme ai cavalli in modo che gli animali non si affatichino troppo. Grande attenzione per il benessere animale, dunque, che si traduce anche nella costante presenza di veterinari e maniscalchi oltre che in box accoglienti ad aspettare i cavalli in ogni tappa. Sono previsti inoltre dei giorni di riposo durante il tragitto, che verrà interamente percorso al passo.

Non solo “portatore sano” di sorrisi a tutte le categorie fragili, il cavallo è anche e soprattutto ambasciatore del territorio: il viaggio permette infatti di scoprire non solo i luoghi, ma anche la cultura, le tradizioni e i prodotti enogastronomici delle aree interessate.
Con questo viaggio a cavallo, che verrà seguito solo da veicoli di appoggio ibridi, Fieracavalli vuole dimostrare che è possibile tornare ad un turismo diverso, a passo lento e rispettoso dell’ambiente, un turismo che permette di assaporare il territorio in tutte le sue declinazioni.