A Caprino manca il dirigente dell’Edilizia privata da un anno e mezzo

Un anno e mezzo fa il dirigente dell’Ufficio Edilizia Privata ha lasciato il posto perché assunto altrove. Da allora ci sono stati innumerevoli tentativi di trovare un sostituto definitivo ma senza successo.

Caprino Veronese biotestamento digitale
Il municipio di Caprino Veronese
New call-to-action

L’Ufficio Edilizia Privata è quello che, in ogni Comune, si occupa di rilasciare i permessi di costruire e che evade le richieste di accesso agli atti. A Caprino Veronese, dato non certo scontato per un paese di 8700 abitanti, nel 2023 sono state evase 253 pratiche edilizie, un centinaio di richieste di accesso agli atti e 120 certificati di destinazione urbanistica.

Alla luce di questi numeri si può capire l’Odissea che il Sindaco e l’amministrazione comunale stanno vivendo dal giugno del 2022 quando l’allora responsabile dell’Ufficio decise di lasciare l’incarico per un nuovo lavoro. Scelta che ovviamente il Comune non ha potuto far altro che accettare.

Da quel giorno, un anno e mezzo fa, non si è riusciti a trovare nessuno che ne assumesse il comando.

LEGGI ANCHE: Carcere di Verona: aumenta la popolazione e il disagio psichico

«I cittadini si sono lamentati perché, effettivamente, qualche momento di difficoltà c’è stato», spiega la sindaca Paola Arduini. «Quello che vorrei si sapesse è che ora siamo tornati in pari con le pratiche, che l’ufficio sta funzionando. Che ci sono stati dei disagi, è vero, ma che purtroppo, nonostante ci siamo attivati da subito per trovare un sostituto, abbiamo incontrato delle difficoltà indipendenti da noi». I tentativi di trovare un nuovo responsabile sono infatti stati numerosi.

Questa la cronistoria, secondo l’Amministrazione Comunale:

  • Il posto di responsabile si libera, perché chi lo occupava ha deciso di cambiare lavoro, il 14 giugno 2022.
  • Il 15 giugno, un solo giorno dopo, il Comune ha stipulato una convenzione con il Comune di Garda che ha “prestato” il suo responsabile fino a giugno 2023.
  • A convenzione in corso, nel tentativo di trovare qualcuno che assumesse l’incarico in pianta stabile, è stato aperto un bando. Un bando che è però andato deserto: nessuna adesione.
  • È stata dunque aperta la mobilità. Anche in questo caso, scaduti i termini, nessuna adesione.
  • Il 10 luglio, è passato quindi meno di un mese dall’inizio della vicenda, viene indetto un concorso. Aderiscono in sei, partecipano alla prova finale il 10 agosto in tre, passano in due. Uno viene assunto come responsabile dell’Area Tecnica Lavori Pubblici e Ecologia. Quello destinato all’Edilizia Privata rinuncia.
  • Si ricomincia dunque con le soluzioni tampone: viene assunto per sei ore settimanali, a supporto dell’ufficio, un altro tecnico del Comune di Garda.
  • Un’ulteriore persona è stata inserita a supporto dell’attività amministrativa.
  • A settembre 2023, poi, un altro bando cui ha aderito una sola persona che è stata assunta come responsabile ed è rimasta soli due mesi.
  • Attualmente, a dirigere l’ufficio, c’è una persona “in prestito” dal Comune di Sona che lavora per 10 ore settimanali.
  • In mezzo a tutto questo, per smaltire il lavoro e le richieste di accesso agli atti, è stata assunta una ditta per un paio di mesi.

LEGGI ANCHE: Scipione a Verona raddoppia, il bus serale diventa a chiamata in nuove zone

«Con la questione del Bonus 110 – spiega Arduini – abbiamo avuto una incredibile quantità di richieste. Grazie a tutte le soluzioni tampone che abbiamo trovato siamo riusciti a garantire comunque l’operatività dell’ufficio».

Nessuna soluzione definitiva, però. «Abbiamo chiesto di poter accedere alle graduatorie di altri Comuni e stiamo attendendo l’ok», dice la sindaca. «Il prossimo passo sarà quello di indire un nuovo concorso. Intanto colgo l’occasione per ringraziare i colleghi primi cittadini per il prezioso aiuto offerto».

E la difficoltà a trovare un responsabile dell’Edilizia Privata, infatti, pare non essere un problema del solo Comune di Caprino Veronese.

«In questo anno e mezzo -spiega il Sindaco- anche per trovare qualche soluzione alternativa, mi sono confrontata con i colleghi del territorio e sono tantissimi quelli nella nostra stessa situazione. Chi ha un responsabile di vecchia data se lo tiene stretto. Chi lo cerca ora, invece, non lo trova. Credo sia un ruolo molto delicato, con tante responsabilità. Forse è questo che lo rende poco appetibile».

A breve si procederà probabilmente con un nuovo concorso e si saprà dunque se l’Odissea avrà una fine, fanno sapere dal Comune.

LEGGI ANCHE: Ca’ del Bue: il Comune di Verona chiede approfondimenti ad Agsm Aim

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!

CLICCA QUI

PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM