A Bosco Chiesanuova consegnati 400 pandori agli anziani

L’Amministrazione del Sindaco Melotti ha confermato anche quest'anno l’ormai tradizionale consegna del pandoro agli anziani del Capoluogo, delle frazioni e delle contrade.

Pandori Bosco Chiesanuova anziani
New call-to-action

In spalle il derlo, una stella e un presepe illuminati, avvolti nel “tabarr” e vestiti nei tradizionali abiti cimbri, anche quest’anno i volontari hanno portato lo spirito del Natale nelle case degli anziani di Bosco Chiesanuova.

LEGGI LE ULTIME NEWS

L’Amministrazione del Sindaco Melotti ha confermato l’ormai tradizionale consegna del pandoro agli anziani del Capoluogo, delle frazioni e delle contrade, come racconta l’Assessora al Sociale, Lorenza Corradi: «L’iniziativa nacque in occasione del Natale 2020, per far sentire l’affetto e la vicinanza dell’Amministrazione e dell’intera Comunità alle persone anziane che vivevano da sole in un periodo terribile com’è stato quello della pandemia. Oggi proseguiamo poiché nel nostro territorio, vasto e frammentato in un centinaio di contrade, non mancano gli anziani che restano da soli durante le festività. Raggiungerli con un pandoro e scambiare con loro due parole, così come mettere a disposizione, ogni mercoledì pomeriggio, la Sala Associazioni affinché trascorrano del tempo in compagnia, è un messaggio per dire che teniamo molto a ciascuno di loro».

Sono stati circa 400 i pandori consegnati nei giorni scorsi insieme ad un messaggio augurale dell’Amministrazione e ad un piccolo segno da parte di Don Lucio Benedetti, parroco di Bosco Chiesanuova. A portarli nelle case, come simbolo di pace e speranza, come gli altri anni, i volontari della Pro loco di Corbiolo e Valdiporro, il gruppo Alpini di Bosco Chiesanuova e i volontari nei tradizionali abiti cimbri. Accolta da un fragoroso applauso, la consegna alla Casa di riposo del Capoluogo, dove i volontari sono stati ripagati dalla commozione e dai dolci sorrisi degli ospiti che hanno particolarmente apprezzato la visita.

LEGGI ANCHE: “Le Iene” a Verona per il caso Citrobacter: «L’analisi genomica ce l’hanno da diversi giorni»