A 40 anni dalla strage, inaugurata la scultura in ricordo di Davide Caprioli

È stata inaugurata questa mattina nel parco della scuola media Aldo Fedeli, a Borgo Milano, la statua in terracotta che ritrae Davide Caprioli, giovane vittima veronese della strage di Bologna, 40 anni fa.

È stata inaugurata questa mattina nel parco della scuola media Aldo Fedeli, in via Cervi a Borgo Milano, la statua in terracotta che ritrae Davide Caprioli. Un segno tangibile per ricordare il giovane veronese che 40 anni fa, a soli 20 anni, rimase ucciso nella strage della stazione di Bologna. Quarant’anni di dolore per la sorella maggiore Cristina, presente oggi, che continua a tenere viva la sua memoria. «Era un ragazzo carismatico, aveva una marea di amici. Lo amavo tanto».

LEGGI L’INTERVISTA A CRISTINA CAPRIOLI: «Ricordare Davide è una ribellione con l’amore»

Il busto che lo ritrae è stato donato dallo scultore bolognese Mauro Piccoli, che l’aveva conosciuto giovanissimo sulle spiagge di San Giuliano a mare. Giovanissimo l’aveva conosciuto anche Marco Ghinelli, suo compagno di classe alle elementari, che lo ricorda così: «Era un ragazzo coraggioso, sempre capace di prendere le difese dei più deboli».

Quella scuola Davide l’aveva frequentata e ora la scultura, nella biblioteca che porta il suo nome, sarà un’ulteriore testimonianza della sua presenza nella vita di chi gli ha voluto bene, ma anche simbolo per una memoria collettiva che non deve mancare.

L’INTERVISTA AL DIRETTORE DELLE BIBLIOTECHE DI VERONA: «La biblioteca deve essere inserita nella società»

La strage di Bologna

Il 2 agosto di quarant’anni fa a Bologna, alla stazione centrale gremita di persone in partenza e in arrivo dai luoghi di vacanza, la violenta deflagrazione di un ordigno ad alto potenziale ha spezzato la vita di 85 persone. Tra loro, unica vittima veronese dell’attentato, il ventenne Davide Caprioli, morto accanto alla sua chitarra, di ritorno dalla vacanze con la fidanzata.

Presenti gli assessori Briani e Rando

Presenti oggi alla cerimonia anche gli assessori alla Cultura Francesca Briani e alle Manifestazioni Filippo Rando.

«Per i ragazzi della mia generazione – ha ricordato l’assessore Briani – la morte di Davide e i difficili anni di piombo rappresentano ancora un vivo ricordo di dolore e di sofferenza che, purtroppo, ha per sempre segnato tante famiglie italiane. Davide sarebbe oggi un uomo di 60 anni, parte integrante della comunità veronese. Invece, in quel terribile agosto del 1980, la sua vita è stata definitivamente strappata agli affetti dei suoi cari. Quest’opera, frutto del ricordo e dell’amore di un amico d’infanzia di Davide, consentirà a tutti, in particolare alle nuove generazioni, che si troveranno a frequentare gli spazi della scuola e della biblioteca, di non dimenticare quanto è accaduto e l’infinita sofferenza generata da questo terribile gesto di odio».

«Il sacrificio di Davide – ha sottolineato l’assessore Rando – non può andare dimenticato. Questo busto e la biblioteca della scuola Fedeli, già a lui dedicata, sono oggi simbolo per continuare a ricordare quanto è accaduto e, soprattutto, per mantenere viva la memoria di questo giovane veronese che, a soli vent’anni, trovò la morte nella terribile strage di Bologna».

Le occasioni per ricordare Davide

Davide Caprioli, oggi simbolo di una gioventù spezzata, sarà ricordato anche dalla Rai, con alcune interviste alla sorella Cristina, che andranno in onda: venerdì 31 luglio alle 21.10, con la puntata di Rai Storia “Speciale “Bologna 2 agosto 1980”; sabato 1 agosto, in seconda serata su Rai 1, con uno speciale di Carlo Lucarelli “02/08/1980 Un giorno nella vita”; domenica 2 agosto, in prima serata su Rai 3, con il programma “Frontiere”.

L’anniversario della strage a Bologna, presente anche il Gonfalone di Verona

Domenica 2 agosto, in occasione del 40° anniversario della strage alla stazione di Bologna, Verona sarà presente alla cerimonia nel capoluogo emiliano con il Gonfalone della città.

L’Amministrazione comunale sarà rappresentata dall’assessore Edi Maria Neri e alcuni agenti della Polizia locale in grande uniforme.

Il programma della giornata prevede: a partire dalla 10.10, in piazza Maggiore, si terrà la cerimonia di commemorazione con l’intervento del presidente dell’Associazione Familiari Vittime della Strage di Bologna, Paolo Bolognesi. Seguiranno un minuto di silenzio in memoria delle vittime e l’intervento del Sindaco di Bologna Virginio Merola. Saranno effettuati successivamente gli interventi delle autorità, la deposizione delle corone a ricordo delle vittime nei luoghi simbolo della strage e, alle 11.15, la messa commemorativa nella chiesa di San Benedetto.

La giornata si concluderà alle 21.15, in piazza Maggiore, con la 26ª edizione del “Concorso Internazionale di Composizione 2 agosto”. Il concerto sarà trasmesso in diretta televisiva da Rai 5 e radiofonica da Radio Rai 3.