Selfie con “Il Trovatore”

Tre statue provenienti dalle scenografie areniane firmate Franco Zeffirelli campeggiano infatti nel parcheggio e fanno sfoggio di sé, diventando attrazione per i turisti. Fra queste anche quella del Trovatore.

Al Park Centro si sentono già suonare le note de “Il Trovatore attraverso le sue stesse scenografie.

Tre statue provenienti dalle scenografie areniane firmate Franco Zeffirelli campeggiano infatti nel parcheggio e fanno sfoggio di sé, diventando attrazione per i turisti. Quella de Il Trovatore di Giuseppe Verdi, la più imponente, è alta 6 metri e mezzo. Le altre due statue sono invece provenienti dalla scenografia dell’Aida (opera sempre di Verdi e proveniente sempre dalla scenografia di Zeffirelli), di tre metri circa.

Non solo statue: la lirica è anche il soggetto delle vetrofanie che ricoprono la torretta del Park: una è visibile da lungadige Galtarossa (lato Ovest) e riporta i titoli della stagione 2017. L’altra offre invece una vista inedita dell’Arena: quella dal palcoscenico, cui si trovano davanti gli artisti che si esibiscono, con le scalinate gremite di spettatori.

L’iniziativa è una collaborazione tra AMT e Fondazione Arena in un’operazione di co-marketing. Il parcheggio Centro è infatti anche l’unico terminal bus della città: una tappa obbligata per i turisti e le scolaresche che arrivano con i bus.