Tumore al Pancreas, sì all’ottimismo

“Fino a qualche anno fa il tumore al pancreas era incurabile, oggi la sopravvivenza a distanza aumenta sempre di più”. Parole ottimiste, quelle del direttore dell’Istituto del Pancreas A.o.u.i. Claudio Bassi, oggi alla presentazione del convegno dedicato a questa malattia che si terrà in Gran Guardia venerdì, in occasione della Giornata Mondiale sul Tumore al Pancreas

Ancora oggi è una malattia difficile da diagnosticare, e quindi da prevenire, perché non lancia segnali evidenti. Stiamo parlando del tumore al Pancreas, una patologia che oggi si classifica come quarta causa di morte per neoplasia. Per fare chiarezza sui temi della diagnosi precoce e sul trattamento della malattia, in occasione della giornata mondiale sul Tumore al Pancreas, venerdì 16 novembre ci sarà un convegno in Gran Guardia, a partire dalle 9.

Ad aiutare nella cura del tumore al pancreas, quindi, ci sono sicuramente i nuovi farmaci, le conoscenze biologiche, ma a fare la differenza potrebbe essere anche l’umanizzazione della malattia, ovvero l’accompagnamento delle persone malate lungo il percorso di cura. Un’attività che è offerta dalle associazioni, come gli Amici del Pancreas.

La partecipazione all’incontro è gratuita, fino ad esaurimento posti. Per registrarsi contattare “Effetti s.r.l.” allo 02 3343885 o scrivere una e-mail a: maria.tacconi@effetti.it.

La giornata si concluderà, alle 20 nella sala Buvette della Gran Guardia, con la cena di gala a scopo benefico. Per accedere è obbligatoria la prenotazione con il versamento di un contributo. Il ricavato sarà devoluto a sostegno di progetti per lo sviluppo della ricerca e la diffusione di una corretta informazione per la prevenzione e cura di questa patologia. Per informazioni e prenotazioni contattare la segreteria organizzativa al 320 8160441.

L’iniziativa è promossa dall’associazione veronese ‘Amici del Pancreas’ e dalla fondazione ‘Nadia Valsecchi’, in collaborazione con l’Istituto del Pancreas – A.O.U.I. Verona e con il patrocinio di Comune, Regione Veneto, ufficio di Pastorale della salute della Diocesi di Verona, Università di Verona e Fondazione Italiana per la Ricerca delle Malattie al Pancreas. Interessate dall’iniziativa anche le realtà attive nel campo della solidarietà: associazione ‘Cilla’ (accoglienza alberghiera per pazienti e parenti), associazione ‘Progetto Convivio’ (attività multiculturali in oncologia) e ‘Donatori di musica’ (associazione nazionale di musicisti che offrono la loro prestazione artistica negli ospedali).

Il servizio