A San Fermo sabato si parla di salute 4.0

san fermo salute 4.0

Mettere al centro la persona, soprattutto quando si parla di salute 4.0. Ossia di un sistema sanitario che vive la trasformazione sociale e digitale.

Si terrà sabato 25 maggio, alle 10 nell’auditorium della Chiesa di San Fermo, la quarta conferenza per un approccio olistico alla persona malata. Esperti e medici faranno il punto anche sui cambiamenti che sta vivendo la società.

Il convegno, organizzato da Azienda ospedaliera universitaria integrata di Verona e Fondazione Smith Kline, insieme alla Parrocchia di San Fermo, è patrocinato dall’associazione ScienzaSaluteSocietà.

Il programma della mattinata prevede, dopo i saluti istituzionali, tre momenti di riflessione. Tematiche principali saranno la centralità del paziente, la malattia come esperienza di umanizzazione, l’arte come terapia, startup e trasformazione digitale per il futuro di Verona.

L’iniziativa è stata presentata lunedì dal sindaco in sala Arazzi. Erano presenti alcuni dei relatori: Fanny Rulfo, dell’Azienda ospedaliera universitaria integrata; Don Maurizio Viviani Parroco di San Fermo; Lucio Da Ros segretario generale della Fondazione Smith Kline; Giuseppe Recchia, vicepresidente di Smith Kline; Stefano Quaglia, direttore della Fondazione Toniolo.

«Oggigiorno tutto scorre e si consuma alla velocità della luce – ha detto il sindaco Federico Sboarina –, sotto ai nostri occhi si sta compiendo una trasformazione epocale in tempi rapidissimi. Ecco perché abbiamo bisogno di fermarci e riflettere, ripensando alla centralità della persona, pur riconoscendo l’importanza della tecnologia e della ricerca».

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.