Strage di Bologna, Mattarella: «Matrice neofascista accertata»

La mattina del 2 agosto 1980 alla stazione di Bologna una bomba uccise 85 persone e ne ferì altre 200. Il Presidente Mattarella ricorda anche gli «ignobili depistaggi».

Presidente Sergio Mattarella - strage stazione di Bologna
Il Presidente Sergio Mattarella alla stazione di Bologna (Foto d'archivio)

Le dichiarazioni del Presidente Mattarella sulla strage di Bologna

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione del 43esimo anniversario della strage alla stazione di Bologna, ha rilasciato la seguente dichiarazione:

«Le immagini della stazione di Bologna, la mattina del 2 agosto 1980, ci hanno restituito un’umanità devastata da una ferocia inimmaginabile, da un terrore che ambiva a pretendersi apocalittico. Il ricordo di quelle vittime è scolpito nella coscienza del nostro popolo. Una ferita insanabile nutre la memoria dell’assassinio commesso».

L’UNICA VITTIMA VERONESE: leggi l’intervista alla sorella di Davide Caprioli

«Nel giorno dell’anniversario la Repubblica si stringe ai familiari e alla comunità cittadina con sentimenti di rinnovata solidarietà. Siamo con loro, con le vite innocenti che la barbarie del terrorismo ha voluto spezzare, con violenza cieca, per l’obiettivo eversivo e fallace di destabilizzare le istituzioni della democrazia».

«L’Italia ha saputo respingere gli eversori assassini, i loro complici, i cinici registi occulti che coltivavano il disegno di far crescere tensione e paura».

LEGGI ANCHE: Verona, al via la manutenzione dei cortili scolastici

«È servita la mobilitazione dell’opinione pubblica. È servito l’impegno delle istituzioni. La matrice neofascista della strage è stata accertata nei processi e sono venute alla luce coperture e ignobili depistaggi, cui hanno partecipato associazioni segrete e agenti infedeli di apparati dello Stato. La ricerca della verità completa è un dovere che non si estingue, a prescindere dal tempo trascorso. È in gioco la credibilità delle istituzioni democratiche».

«La città di Bologna, sin dai primi minuti dopo l’attentato, ha mostrato i valori di civiltà che la animano».

«E con Bologna e l’Emilia-Romagna, l’intera Repubblica avverte la responsabilità di difendere sempre e rafforzare i principi costituzionali di libertà e democrazia che hanno fatto dell’Italia un grande Paese».

LEGGI ANCHE: Erbè, perdono il controllo dell’auto e finiscono in un canale. Quattro feriti