Sanità, Zaia: «In linea con Schillaci: difendere e valorizzare i nostri medici»

Il Presidente della Regione Veneto Luca Zaia concorda con la presa di posizione del Ministro Orazio Schillaci sul futuro della sanità e del fronte dei medici. «Eccessi di richieste di risarcimento e medicina difensiva altro grande problema del settore».

medici ospedale corridoio dottori sanità
Foto d'archivio
New call-to-action

«Le proposte del Ministro Schillaci in materia di organizzazione sanitaria e medici mi trovano assolutamente d’accordo. Sono battaglie che io stesso ho portato avanti con convinzione, a cominciare dalla possibilità di utilizzare i medici pensionati che desiderino proseguire la loro attività, perché in Italia mancano 50mila medici. È fuori discussione che gli specializzandi vanno pagati e devono avere anche la possibilità di svolgere attività extra, perché è una delle grandi sfide della sanità pubblica».

LEGGI LE ULTIME NEWS

Lo dice il Presidente della Regione Veneto Luca Zaia, in relazione alla presa di posizione del Ministro Orazio Schillaci sul futuro della sanità e del fronte dei medici.

«Si vada avanti sulla linea del Ministro – prosegue Zaia – su un altro aspetto fondamentale come la difesa dei nostri medici dagli eccessi di richieste di risarcimento. Questo è un altro dei grossi problemi, che non solo mette a repentaglio la possibilità di ingaggiare medici. La professione diventa sempre più difficoltosa, perché quando hai davanti a te oltre che un paziente, anche un potenziale denunciante, lavorare è più difficile. Ovviamente, fatto salvo il diritto al risarcimento quando un malato ha effettivamente subìto un danno. Si crea inoltre un altro grosso problema, che è la medicina difensiva, che si traduce in un eccesso di prescrizioni, emesse dai medici per proteggersi da pretese risarcitorie. Anche questo – conclude Zaia – è uno dei grandi segnali che richiedono un cambiamento».

LEGGI ANCHE: Impresa Hellas: le foto della notte dei tifosi