Maturità 2024, si avvicina la notte prima degli esami

Domani, mercoledì 19 giugno, oltre mezzo milione di studenti svolgeranno la prima prova scritta della maturità 2024, come comunicato dal Ministero dell'Istruzione e del Merito.

maturità
Foto d'archivio

Domani, mercoledì 19 giugno ci sarà lo svolgimento della prima prova della maturità 2024 per 526.317 studenti maturandi, come comunicato dal Ministero dell’Istruzione e del Merito. Siamo quasi giunti al periodo dell’anno più temuto dagli studenti delle scuole superiori. L’estate si avvicina, ma all’orizzonte non c’è solo sole e spiaggia, c’è anche quello studio frenetico e agitazione dell’ultimo momento.

Mancano ormai poche ore all’inizio della maturità 2024 e, per quanto sia ormai uscito quasi vent’anni fa, torna subito alla mente il film “Notte prima degli esami” dove si ritrova anche l’omonima canzone di Antonello Venditti.

Mentre un po’ di agitazione si diffonde probabilmente tra gli studenti che domani entreranno nelle aule per portare a termine la prova scritta di italiano, il Presidente della Regione Veneto Luca Zaia rivolge ai maturandi qualche parola di coraggio:

«Domani, quando si apriranno le aule per gli esami di maturità, spero si riempiranno di giovani carichi di entusiasmo, con qualche inevitabile patema, ma profondamente ottimisti perché, come uso dire, solo i pessimisti non fanno fortuna e io a tutte queste migliaia di ragazze e ragazzi auguro tutta la fortuna del mondo».

LEGGI LE ULTIME NEWS

Come si svolgerà la maturità quest’anno?

Come comunicato sul sito del Ministero dell’Istruzione e del Merito, il 2024 conferma il ritorno alla “normalità”. Infatti, come per il 2023, ci saranno due prove scritte decise dal Ministero, e un colloquio. Il tutto sorvegliato da una commissione composta da commissari interni ed esterni, presieduta da un presidente esterno.

La prima prova

La prima prova si svolgerà, con le stesse modalità in tutti gli istituti superiori, mercoledì 19 giugno e inizierà alle 8:30. Il focus della prima prova è quello di testare la padronanza della lingua italiana. Gli studenti avranno a disposizione sette tracce, diverse in tipologie e tematiche, tra cui scegliere liberamente per svolgere la prova.

Gli ambiti delle possibili tracce sono svariati e spaziano da quello artistico, letterario, storico, ma anche scientifico, tecnologico o sociale, tra altri. Oltre alla tematica, i maturandi dovranno anche selezionare la tipologia di prova che vorranno svolgere tra l’analisi del testo, il testo argomentativo e il testo di attualità.

Molte sono le ricorrenze e gli anniversari quindi molti gli spunti sulle possibili tracce. Da Giacomo Matteotti a J. Robert Oppenheimer, dalla scomparsa di Marie Curie allo sbarco in Normandia. Domani, insieme a tutti i 526.317 maturandi, lo scopriremo.

LEGGI ANCHE: Installato a Verona un sistema di irrigazione degli alberi con sacchi di acqua

La seconda prova

La seconda prova che verrà svolta sarà specifica per ogni corso di studi. Il Ministero dell’Istruzione e del Merito ha inoltre predisposto una pagina del sito per consultare quale sarà la prova decisa per ogni indirizzo.

Per gli istituti professionali di nuovo ordinamento, invece, saranno testate le competenze e i nuclei tematici più importanti di indirizzo.

Il colloquio

Dopo gli scritti, in base al giorno della seconda prova, si inizieranno gli orali di questa maturità 2024. Gli studenti dovranno presentare un breve elaborato basato sull’acquisizione di competenze trasversali e interdisciplinari durante il loro percorso di studi e nelle esperienze professionali vissute.

«Andrà bene, mi sento di dirlo – aggiunge il Governatore – perché i nostri ragazzi hanno dimostrato maturità già in mille occasioni, come con il Covid quando, in quel durissimo periodo, furono esempio di forza, resilienza e senso civico. Sono giovani preparati, volonterosi, aperti alle novità del mondo, alle tecnologie, a un futuro che ci viene incontro sempre più velocemente. Sono il nostro futuro, e lo sapranno dimostrare anche di fronte a quella che è forse la prima grande prova della vita» conclude il Presidente del Veneto.