Dopo l’attentato di Mosca riunione per la sicurezza pubblica al Ministero

Approfondita analisi dell’attentato a Mosca oggi durante il Comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza pubblica al Viminale, anche per aggiornare le misure di prevenzione antiterrorismo già disposte.

Comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza pubblica
Comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza pubblica
New call-to-action

Questa mattina al Viminale, il Ministro dell’Interno, Matteo Piantedosi, ha presieduto una riunione del Comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza pubblica alla quale, oltre al sottosegretario Nicola Molteni, hanno partecipato i vertici delle Forze di polizia e delle agenzie di informazione e sicurezza.

Durante l’incontro è stata effettuata una attenta analisi dell’attentato terroristico a Mosca anche ai fini dell’aggiornamento delle misure di prevenzione antiterrorismo già disposte.

LEGGI ANCHE: Terrorismo, Mantovano: «Per l’Italia rischio da lupi solitari, non da gruppi»

Nel corso della riunione è stata evidenziata l’importanza di proseguire l’attenta attività di monitoraggio, anche sul web, da parte delle Forze di polizia e della intelligence per l’individuazione delle eventuali situazioni di rischio sul territorio nazionale. Tale specifica attività di prevenzione ha consentito, dal 7 ottobre 2023 ad oggi, di espellere per motivi di sicurezza 47 soggetti, di cui 9 con provvedimento del Ministro dell’interno. Nel 2024 sono stati 23 i provvedimenti, di cui 5 emessi dal Ministro dell’Interno.

LEGGI ANCHE: Sottopasso via Città di Nimes: eppur si muove

Anche in vista delle prossime festività pasquali è stata disposta una intensificazione delle attività di vigilanza e di controllo da parte delle Forze di polizia con la pianificazione di specifici servizi operativi, fissi e dinamici, riservando la massima attenzione ai luoghi di maggiore aggregazione e transito di persone, nonché a tutti gli obiettivi sensibili, alla luce di un loro eventuale aggiornamento.

LEGGI ANCHE: “Le Iene” a Verona per il caso Citrobacter: «L’analisi genomica ce l’hanno da diversi giorni»