Dl sostegni, Paternoster: «Cambio di passo del nuovo Governo»

È soddisfatto il deputato della Lega Paolo Paternoster, per l'impatto del Governo Draghi: «Una inversione di tendenza che doveva essere data».

Paolo Paternoster
L'onorevole della Lega Paolo Paternoster.

L’onorevole Paolo Paternoster, membro della commissione Bilancio della Camera dei Deputati (Lega), commenta le misure del decreto “Sostegni”. «Si poteva fare le più? Si poteva fare meglio? Si poteva fare prima?» si chiede il deputato veronese. «A tutti questi quesiti si possono dare le più svariate risposte. La più immediata sarebbe: prego rivolgersi al Governo precedente che ha deciso importo, metodo e tempi dello scostamento di bilancio votato dal Parlamento ancora durante lo scorso dicembre».

Positivo il primo impatto con il Governo Draghi, secondo Paternoster: «La verità è che nel primo mese di lavoro del nuovo Governo c’è stato un evidente cambio di passo, una inversione di tendenza che doveva essere data».

LEGGI ANCHE: Decreto sostegno, prime misure anche a Verona

«Certo che con 32 miliardi di euro da suddividere tra milioni di partite iva in disperata ricerca di sostegno, milioni di lavoratori senza alcun reddito da molti mesi, investimenti a supporto del sistema sanitario, liquidità a favore di enti locali sempre più in affanno e lotta alla povertà, non si poteva pretendere di più».

LEGGI ANCHE: Sindacato Vigili del Fuoco di Verona: «Mancano sedi e personale»

«Peraltro, Matteo Salvini ha già dichiarato che nel prossimo scostamento di bilancio, previsto già nel prossimo mese di aprile, è disponibile a votare fino a 100 miliardi di euro di nuovi aiuti al sistema Paese che, unitamente ad una massiccia campagna vaccinale che fino ad ora non è stata effettuata, saranno i due pilastri portanti del nostro nuovo rinascimento».

LEGGI LE ULTIME NEWS

Ricevi il Daily

VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?

È GRATUITO! CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM