Anniversario strage di via D’Amelio, Mattarella: «Vincere l’indifferenza»

A 31 anni dall’assassinio del giudice Paolo Borsellino e di cinque agenti di scorta, il Presidente Mattarella invita a «costruire solidarietà e cultura dove le mafie puntano a instillare paura».

Paolo Borsellino
Paolo Borsellino
New call-to-action

Oggi è il trentunesimo anniversario della Strage di via D’Amelio, un capitolo oscuro nella storia italiana. Era il 19 luglio 1992 quando una devastante esplosione colpì via D’Amelio a Palermo, uccidendo il giudice Paolo Borsellino e la cinque agenti della scorta.

L’attacco mafioso scosse profondamente il nostro paese e fu il secondo duro colpo alla magistratura, dopo l’uccisione del giudice Giovanni Falcone solo due mesi prima.

LEGGI ANCHE: Apertura galleria Adige-Garda, è scontro

Il messaggio del Presidente della Repubblica Mattarella

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per il trentunesimo anniversario della Strage di via D’Amelio, ha rilasciato la seguente dichiarazione:

«Nell’anniversario della strage di via D’Amelio la Repubblica si inchina alla memoria di Paolo Borsellino, magistrato di straordinario valore e coraggio, e degli agenti della sua scorta – Emanuela Loi, Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina, Claudio Traina – che con lui morirono nel servizio alle istituzioni democratiche.

Quel barbaro eccidio, compiuto con disumana ferocia, colpì l’intero popolo italiano e resta incancellabile nella coscienza civile. Il nome di Paolo Borsellino, infatti, al pari di quello di Giovanni Falcone, mantiene inalterabile forza di richiamo ed è legato ai successi investigativi e processuali che misero allo scoperto per la prima volta l’organizzazione mafiosa e ancor di più è connesso al moto di dignità con cui la comunità nazionale reagì per liberare il Paese dal giogo oppressivo delle mafie. 

Borsellino e Falcone avevano dimostrato che la mafia poteva essere sconfitta.

Il loro esempio ci invita a vincere l’indifferenza, a combattere le zone grigie della complicità con la stessa fermezza con cui si contrasta l’illegalità, a costruire solidarietà e cultura dove invece le mafie puntano a instillare paura.

In questo anniversario, desidero rinnovare i sentimenti di cordoglio e vicinanza ai familiari di Paolo Borsellino e degli altri servitori della Stato che pagarono con la vita la difesa della nostra libertà».

LEGGI ANCHE: Ciclovia del Sole, De Berti: «Da Verona a Valeggio in bici»

Il messaggio dell’assessora Zivelonghi

L’assessora alla Sicurezza e alla Legalità Stefania Zivelonghi ricorda il 19 luglio 1992: «Dalla strage di Capaci di 57 giorni prima, in cui fu ucciso Giovanni Falcone, Borsellino divenne consapevole che sarebbe stato lui la prossima vittima designata, ma scelse di vivere i suoi ultimi giorni con dedizione svolgendo sempre il proprio dovere. Un eroe, ma anche un uomo come noi che è andato incontro al massimo sacrificio per il bene comune. L’auspicio è che questo gesto continui a vivere nella nostra memoria e che possa indicare una linea da seguire, per noi cittadini e amministratori. Per una convivenza civile all’insegna della legalità».

LEGGI ANCHE: Vandali a Cadidavid: Comune e comitato cittadini al lavoro

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!

CLICCA QUI

PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM