Successo per le casette dell’acqua sul Garda e in Valpolicella

Sono numerose le casette dell'acqua sparse sul territorio. Un servizio molto apprezzato dai cittadini e una scelta sostenibile che evita la produzione e l’utilizzo di oltre 660mila bottiglie di plastica, ogni anno.

Sandrà casetta dell'acqua
Una casetta dell'acqua a Sandrà

Aumentano le scelte sostenibili per contrastare il caldo: le casette dell’acqua di AGS si confermano la soluzione sostenibile più apprezzata dai cittadini del Lago di Garda e dalla Valpolicella.

Sono 993.584 i litri d’acqua erogati nell’arco del 2022 secondo il report di Azienda Gardesana Servizi; di questi circa 614 mila litri sono di acqua naturale, in aumento rispetto ai 597mila litri del 2021, e 379 mila circa quelli di gassata. I volumi di acqua venduti rimangono in linea con l’anno precedente con un trend in continua crescita dal 2019. Una scelta etica e green che riduce lo spreco di acqua potabile e le emissioni di Co2 in atmosfera, evitando l’immissione nell’ambiente di oltre 662mila nuove bottiglie di plastica da 1,5 litri.

LEGGI ANCHE: Il prefetto incontra i sindaci di Lessinia e Valpolicella

Angelo Cresco, presidente di Azienda Gardesana Servizi
Angelo Cresco, presidente di Azienda Gardesana Servizi

L’analisi di Angelo Cresco, presidente di AGS

«I dati confermano che il servizio continua a essere molto apprezzato – spiega Angelo Cresco, presidente di Azienda Gardesana Servizi –. Le casette erogano acqua sempre fresca, sia naturale che gassata, permettendo agli utenti di riutilizzare più volte le proprie bottiglie, risparmiando in termini economici, e contribuendo anche a salvaguardare l’ambiente. Una scelta di attenzione alla circolarità, al riutilizzo delle risorse e, soprattutto, una valida alternativa green che conferma la costante attenzione alla sostenibilità e al consumo consapevole delle risorse da parte di AGS e dei cittadini».

Le casette installate da AGS

Azienda Gardesana Servizi ha installato nel territorio di propria competenza dieci casette dell’acqua: 2 a Sant’Ambrogio, 2 a Peschiera, 2 a Torri, una a Pastrengo, Garda, Affi, Bardolino. Le casette sono realizzate in collaborazione con i Comuni ed erogano acqua fresca, naturale e gasata, 24 ore su 24, ogni giorno dell’anno. È sufficiente possedere una tessera ricaricabile e portare con sé bottiglie e borracce riutilizzabili e adatte a contenere liquidi.

L’acqua erogata è sicura e controllata in quanto, su tutta la rete di distribuzione, vengono effettuati controlli serrati da parte del personale tecnico di AGS, che ne monitora la salubrità. Oltre a questo è costante la verifica delle macchine provvedendo, quando necessario, alla sostituzione delle componenti. Nell’arco del 2022, sono stati 81 i campionamenti effettuati sulle dieci casette dislocate sul territorio e 1049 i parametri presi in esame tra analisi chimiche e batteriologiche. Si tratta di verifiche aggiuntive, oltre a quelle normalmente compiute sulle reti di distribuzione, che vengono realizzate a scadenza regolare e che si intensificano nel periodo estivo.

LEGGI ANCHE: Verona, approvato lo stanziamento di 170mila euro per la nuova stella

Ricevi il Daily! È gratis

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!

CLICCA QUI

👉 SEGUI LE ISTRUZIONI
PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM