Efficientamento energetico, a Verona in un anno un milione di contributi

Presentato il bilancio di un anno di attività incentrata sul reperimento di risorse pubbliche relative a interventi di risparmio energetico. Ottenuto l’incentivo del Conto Termico per 120mila euro che servirà a realizzare un impianto fotovoltaico alla materna Lenotti alle Golosine.

Pannelli solari fotovoltaico comunità energetiche
Foto d'archivio
New call-to-action

In un anno l’Amministrazione è riuscita ad ottenere oltre un milione di euro in contributi statali per interventi di efficientamento energetico e realizzazione di impianti fotovoltaici. In particolare grazie al contributo di 750mila euro si è riusciti a dotare di nuova illuminazione Palazzo Barbieri, la Biblioteca Civica, gli uffici comunali di via Pallone e al centro sociale del Saval, con le lampade a led che vanno a sostituire quelle tradizionali, per un risparmio energetico pari al 70%; in più per la prima volta approda a Palazzo Barbieri il Conto Termico.

Sono i primi concreti risultati del percorso di transizione ecologica avviato dall’amministrazione e per il quale si stanno definendo piani ed azioni specifiche, dall’efficientamento degli edifici pubblici alla possibilità di dotarli di pannelli fotovoltaici e pompe di calore, dal piano della mobilità elettrica all’incentivo statale “conto termico”, prima d’ora mai preso in considerazione dagli amministratori pubblici.

LEGGI ANCHE: Verona, assunzioni in Comune per giovani laureandi

È proprio grazie a questo strumento previsto da decreto ministeriale del 2016, che il Comune riceverà a breve circa 120mila euro quale contributo per il costo degli interventi effettuati per l’efficientamento energetico e che a sua volta, per precisa decisione dell’amministrazione, servirà per finanziare un di nuovo.

Si innesca così un meccanismo virtuoso dove interventi di efficienza energetica generano grazie al contributo del Conto Termico, nuove risorse da impiegare per interventi legati ai tanti edifici pubblici comunali. Una strategia che porta non solo benefici in termini di sostenibilità ambientale, ma anche di comfort per chi usufruisce degli spazi e un ritorno economico.

I 120mila euro in arrivo dal GSE (Gestore dei Servizi Energetici) serviranno per realizzare un impianto fotovoltaico sulla copertura della scuola elementare “Lenotti” alle Golosine, in Circoscrizione 4^, edificio che comprende anche il Centro sociale Territoriale del quartiere. L’opera consentirà alla scuola di autoprodursi l’energia necessaria, e con l’energia in eccesso il Comune sta pensando a progettualità legate alle comunità energetiche, la cui costituzione è inserita nel processo di transizione ecologica avviato dal Comune.

LEGGI LE ULTIME NEWS

«Il Comune si sta dotando finalmente di una strategia energetica che mira sia a ridurre i consumi tramite strategie di efficientamento energetico sia ad auto produrre energia da fonti rinnovabili – spiega l’assessore all’Ambiente e Transizione ecologica Tommaso Ferrari -. L’obiettivo non più rimandabile è di coniugare sostenibilità ambientale e risparmi per le casse comunali cosi da liberare spesa e investimenti utili alla città. In un anno non solo abbiamo ottenuto finanziamenti per circa un milione di euro, ma grazie a questa strategia con gli incentivi legati alle opere programmate potremo finanziarne di nuove. Un circuito virtuoso a beneficio dell’ambiente e che permetterà al Comune importanti risparmi sul costo dell’energia, senza contare i benefici per chi usufruisce di spazi più confortevoli e salubri e i vantaggi per la filiera economica legata a queste opere».

Presenti in conferenza stampa il direttore area Lavori Pubblici Raffaella Gianello e la responsabile staff tecnico area Lavori Pubblici Alessandra Zavetti.

LEGGI ANCHE: Sottopasso via Città di Nimes: eppur si muove