Caro energia, Sona interviene sugli orari dell’illuminazione pubblica

Il Comune di Sona ha stabilito una riduzione di cinque ore al giorno dell’orario convenzionale di funzionamento di tutti gli impianti di illuminazione pubblica comunale.

Sona illuminazione pubblica

Caro energia, Sona interviene sugli orari dell’illuminazione pubblica

La giunta del Comune di Sona ha deliberato la riduzione di cinque ore al giorno dell’orario convenzionale di funzionamento di tutti gli impianti di illuminazione pubblica comunale, a esclusione di quelli afferenti a strade provinciali e regionali. Nello specifico l’Amministrazione ha optato per l’accensione serale posticipata di trenta minuti rispetto al tramonto e per lo spegnimento notturno dall’1 alle ore 5:30.

Il Comune di Sona attua da tempo politiche di governo finalizzate a conseguire l’efficientamento energetico degli edifici pubblici, degli impianti termici e degli impianti di pubblica illuminazione, che hanno consentito di ridurre in maniera significativa i costi storici di gestione correlati al consumo energetico.

LEGGI LE ULTIME NEWS

«Abbiamo il dovere di tenere sotto controllo una potenziale situazione di criticità sull’equilibrio di bilancio dell’Ente, solo in parte compensabile dagli interventi di efficientamento energetico attuati o in corso di attuazione, e dalle misure straordinarie recentemente introdotte a livello normativo nazionale – dichiara l’Assessore all’Ecologia del Comune di Sona, Roberto Merzi –. Questo presuppone l’adozione tempestiva di alcune misure correttive eccezionali, al fine di assicurare la continuità dei servizi erogati dal Comune, senza aggravi sulla fiscalità locale».

Il Comune di Sona è una delle numerose amministrazioni locali della Provincia di Verona e del territorio nazionale che sceglie di intervenire sulla pubblica illuminazione in attesa dell’adozione, a livello statale, di misure strutturali e di lungo periodo. Già dallo scorso mese di marzo, tra le prime della Provincia, l’Amministrazione ha attivato una parziale riduzione dell’orario di funzionamento di tutti gli impianti di illuminazione pubblica comunale, corrispondente a una riduzione di due ore al giorno rispetto all’orario di funzionamento convenzionale pari a circa 11 ore giornaliere.

Leggi anche: Sona, Mazzi: «L’inverno? Sarà freddo, ma confido nel buon senso italiano»

Sulla base dei riscontri contabili aggiornati ad oggi «L’evidenza di una maggiore spesa pari a 500mila euro per riscaldamento e pubblica illuminazione rispetto al medesimo periodo dello scorso anno, ci impone l’adozione di ulteriori misure straordinarie, a carattere transitorio, affinché le opere importanti per la comunità non vengano private di ulteriori risorse indispensabili» spiega il Sindaco di Sona, Gianluigi Mazzi.

Gli impianti saranno perciò rimodulati concentrando lo spegnimento nelle sole ore notturne, dall’1 alle 5:30, e ampliando, rispetto all’attuale programmazione, l’orario di accensione dell’illuminazione pubblica nelle prime ore del mattino al fine di assicurare le ordinarie condizioni di illuminazione negli orari tipicamente caratterizzati da un maggior numero di spostamenti personali casa-lavoro e casa-scuola «Recependo anche le richieste pervenute nell’ultimo periodo da diversi cittadini, oltre che da un raggruppamento di negozianti della frazione di Lugagnano» conclude il Sindaco Mazzi.

Ricevi il Daily! È gratis

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!
👉 CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI
PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM