Bici pooling, ulteriore tassello verso la mobilità sostenibile

In occasione della Settimana europea della Mobilità, in programma dal 16 al 22 settembre, l’amministrazione comunale di Verona ha messo in campo alcune iniziative per ribadire il suo impegno nel portare avanti progettualità concrete a sostegno di un sistema di mobilità urbana più sostenibile ed attento alle diverse necessità sociali ed ambientali della città. Da alcuni interventi per favorire l’uso della bici sui tragitti casa-scuola, passando da una biciclettata con gli studenti delle superiori dalle porte della città a piazza Bra, per arrivare poi a un campionato scolastico della bici con premi finali per le scuole, per finire al primo avvio del servizio bici pooling per i ragazzi che vanno a scuola il sabato.

In particolare, per sensibilizzare sempre di più i giovani sui temi della mobilità sostenibile, il 21 settembre- giornata europea della mobilità sostenibile, sarà dedicato agli studenti e ai loro spostamenti in bicicletta. Con una biciclettata collettiva infatti, i ragazzi partiranno da diversi punti limitrofi al centro (viale Piave, Borgo Venezia, diga del Chievo, Giardini di San Giorgio) per raggiungere piazza Bra. Qui, sarà lanciato il campionato scolastico della bici, che prevede il monitoraggio del numero dei ragazzi che vanno a scuola in bicicletta, con premi finali per gli istituti scolastici.

Rivolto agli studenti anche il nuovo servizio di bici pooling, che sarà attivo per 10 sabati. Grazie alla presenza di personale qualificato, i ragazzi e le ragazze delle scuole superiori saranno accompagnati da tre punti periferici verso gli istituti del centro cittadino.

“Negli anni, la Settimana europea della mobilità sostenibile, è diventata un appuntamento internazionale, con l’obiettivo di incoraggiare i cittadini all’utilizzo di mezzi di trasporto alternativi all’auto privata per gli spostamenti quotidiani, privilegiando il muoversi a piedi, in bicicletta, o con mezzi pubblici – spiega l’assessore all’Ambiente Ilaria Segala -. Per accrescere la sensibilità verso un diverso sistema di mobilità, è necessario, in primis, fornire ai cittadini gli strumenti e i mezzi più idonei. Una buona rete ciclabile di collegamento, ad esempio, è sicuramente il miglior incentivo che si può offrire per stimolare l’uso della bici. Puntiamo sicuramente sui giovani, con iniziative rivolte anche alla scuola. Ricordo il contributo di 30 mila euro assegnato quest’estate a sei scuole veronesi per l’acquisto di almeno 20 biciclette da usare per le attività didattiche”.