A giugno la maturità. E dopo?

Cosp Verona organizza un incontro per riflettere sui giovani, la scuola e il lavoro

Tra progetti e iniziative, COSP Verona costruisce un ponte tra il mondo della scuola e quello del lavoro.

Attratti dall’università, ma pronti ad affrontare il mondo del lavoro, senza escludere un’esperienza all’estero. Le ragazze, ad esempio, sono sempre più affascinate da un impiego nelle forze armate, in banca o si immaginano a capo di start up innovative.

Queste sono solo alcune delle risposte degli studenti superiori veronesi ai questionari di orientamento proposti dall’associazione veronese. Oltre cinquanta istituti, più di 10.000 studenti, più di 120 insegnanti, consulenti e esperti sono coinvolti nei progetti di orientamento e nelle attività di alternanza scuola-lavoro.

Giovedì 25 maggio dalle ore 14.30, nella sede di 311 Coworking, COSP Verona organizza un focus sul tanto dibattuto rapporto/distacco che sussiste tra l’universo scolastico e quello lavorativo. Intervengono al tavolo istituzionale: la presidente di COSP Verona, Giorgia Speri, Andrea Bissoli, consigliere della CCIAA di Verona, Laura Parenti, UST Verona referente per l’alternanza scuola lavoro e l’orientamento, Antonello Vedovato, presidente Fondazione Edulife.

Le tendenze riscontrate nei tanti progetti nelle scuole e i potenziali futuri sviluppi del tema li presenteranno Lisa Conforto, direttrice COSP Verona, e Fabio Banali, consulente Cim&form, per il progetto VIA! Veneto in Alternanza.

Quest’anno si porrà l’accento sull’intervento di cinque testimoni di successo: Gruppo Rossetto, Maxfone, Quid, Hellas Verona e Infermentum .Obiettivo? Aprire una discussione partecipata tra i vari stakeholders che intervengono nelle attività di orientamento e alternanza scuola lavoro.

Per ulteriori informazioni: 045 597108 / cosp@cosp.verona.it