A Verona, bimbi a scuola dalla polizia scientifica

Piccoli investigatori crescono, ed è grazie alla stretta collaborazione fra Children’s Museum Verona e Polizia di Stato. La scena del crimine sarà la chiesetta di San Pietro in Monastero, via Garibaldi 3, sabato 23 marzo, dalle 14.30 alle 18.30.

La Bioinvestigation – Investigatori si diventa è un evento gratuito, su prenotazione, realizzato da Children’s Museum Verona, la struttura dedicata ai più piccoli che aprirà nel capoluogo scaligero, con il supporto di Fondazione Cariverona e Polizia di Stato, rivolta a bambini e bambine di età compresa tra i 4 e i 12 anni.

Come afferma Ivana Petricca, Questore della Provincia di Verona, si tratta di iniziative importanti che permettono di proiettare i cittadini del futuro nel mondo della legalità; inoltre, è significativa la partecipazione del Children’s Museum, che punta a stimolare i bambini e instillare attraverso questo progetto il “potere della curiosità”, consentendo di  imparare facendo, toccando con mano gli strumenti che vengono realmente utilizzati nelle indagini.

I due casi proposti nella giornata di sabato saranno la sparizione di un gatto e il furto di un quadro; la giornata vedrà tre turni, a partire dalle 14.30. Ad ogni turno parteciperanno al massimo 20 bambini e ci sarà anche una zona per i da bimbi da 0-3 anni che non svolgeranno di fatto nessun laboratorio ma avranno un luogo a disposizione per giocare accompagnati dai genitori mentre fratelli e sorelle più grandi faranno i laboratori veri e propri.

I bimbi da 4 a 7 anni dovranno risolvere un caso seguendo una storia composta da figure. Il gatto Romeo è sparito, non si trova più a sonnecchiare nei suoi posti prediletti. Dove può essersi nascosto? I bambini andranno alla ricerca di prove da veri investigatori. Mentre per i ragazzi dagli 8 ai 12 anni ecco un caso più complesso. Un ladro è entrato in casa Capuleti e ha rubato una preziosa tela. Chi è il ladro? Solo unendo più prove e usando il ragionamento si potrà arrivare alla risoluzione del caso.