Venezia al centro dei progetti di Cescot Veneto e di SerenDPT

Italis e AltroVe sono i due progetti presentati ieri, giovedì 13 dicembre, all’undicesima tappa di INN Veneto, che si è svolta alla Giudecca, all’interno della Fabbrica H3, un hub allestito negli spazi della chiesa sconsacrata dei Santi Cosma e Damiano.

Ad aprire il meeting Fabio Carrera, ceo di SerenDPT, società benefit che ha lo scopo di creare lavoro e servizi per la città di Venezia migliorando la vita dei suoi abitanti. In particolare il progetto Italis si occuperà di sviluppare servizi urbani in campo agricolo, e allo stesso tempo di creare una community che sviluppi contenuti per iniziative sociali. Italis a Venezia costruirà un orto verticale all’interno del campanile della chiesa dei Santi Cosmo e Damiano. Una serra capace di produrre frutta e verdura ad uso e beneficio della comunità veneziana grazie al sistema di coltivazione idroponico e acquaponico.

A seguire l’intervento di Marco Serraglio, responsabile di Cescot Veneto, l’ente di formazione di Confesercenti che vuole sostenere e animare tutte le piccole e medie imprese che operano nel terzo settore. AltroVe, il progetto di Cescot, consiste nel formare, attraverso diversi corsi, workshop e laboratori, tutti coloro che hanno a cuore lo slancio di Venezia. Tra i vari partner del progetto compaiono l’Università IUAV, la Fondazione Malutta ed altri enti. Per assaporare un dei tanti corsi che Cescot metterà in campo, nel pomeriggio si è svolto il workshop dell’artista Elena Mazzi, artista internazionale.

Si può dire quindi che dalla Giudecca sta partendo uno slancio importante per la città di Venezia che vuole coinvolgere chiunque desideri contribuire alla crescita e al miglioramento della città.

Guarda il video: