Violenza contro le donne. A Verona un mese di iniziative

Decine le iniziative organizzate dal comune di Verona in occasione della Giornata Internazionale per l’eliminazione della Violenza contro le donne, il prossimo 25 novembre. Gli eventi, tra cui convegni, spettacoli, mostre e anche raccolte fondi, partiranno venerdì 16 novembre. A presentare stamattina le iniziative l’assessore alle Pari opportunità Francesca Briani con la presidente della Commissione Politiche sociali Maria Fiore Adami.

Vanno dal 16 novembre al 22 dicembre i convegni, incontri, spettacoli, mostre, raccolte fondi e manifestazioni sportive che Verona ha deciso di organizzare in occasione del 25 novembre, Giornata Internazionale per l’eliminazione della Violenza contro le donne. Circa una trentina gli eventi per celebrare la manifestazione, a cui si aggiunge l’allestimento da parte della Polizia di Stato del “Villaggio Azzurro” contro la violenza, che si troverà nel loggiato della Gran Guardia dalla mattina di lunedì 19 novembre. Per l’occasione è atteso anche il capo della Polizia Franco Gabrielli.

“Il programma che viene proposto – ha sottolineato l’assessore Briani – è ben più ampio della singola giornata e abbraccia oltre un mese di eventi aperti a tutti e pensati per servire da stimolo, conoscenza e riflessione sul tema della violenza contro le donne. L’impegno dell’Amministrazione è quello di contribuire alla diffusione di una cultura del rispetto reciproco nelle relazioni tra uomini e donne e punta sulla conoscenza perché ogni persona sia informata e sia in grado di cogliere quei segni di violenza anche nelle persone vicine”.

L’attività di sensibilizzazione e informazione completa la rete di servizi che il Comune mette a disposizione delle donne vittime di violenza. Il Comune, infatti, gestisce il centro antiviolenza P.e.t.r.a, la casa rifugio e lo Spazio di ascolto per uomini che intendono uscire dalla violenza, nonché la Pronta accoglienza H24, quest’ultima in convenzione con la Protezione della giovane. In più, l’amministrazione ha aderito al progetto regionale Ve.R.A (Verso la Rete Antiviolenza Regionale).

“Questo mese – ha detto la presidente Adami – è ricco di iniziative, ma è frutto del lavoro che dura un anno intero. Questo perché deve essere costante l’attenzione nei confronti di atti che rappresentano una vera malattia sociale: è importante sviluppare la rete che sostiene le persone in difficoltà, ma la violenza va contrastata senza se e senza ma”.

In particolare, da segnalare, il convegno “… questo NON è amore”, martedì 20 in Gran Guardia. Venerdì 23 novembre, nell’auditorium della Gran Guardia, sarà in scena la rappresentazione teatrale, promossa dall’Assessorato alle Pari opportunità, “Doppio taglio”, in programma la mattina per le scuole superiori e alle 21 per tutti. Domenica 25, alle 12 in piazza Bra, sarà invece la volta dell’inaugurazione della “Panchina rossa” contro i femminicidi. In più, la Consulta della Associazioni femminili di Verona ha deciso di promuovere una raccolta fondi a favore di chi ha perso la madre a causa di femminicidio. Fino ad oggi sono stati raccolti 3 mila euro, rappresentati in conferenza stampa da un grande assegno.

Le iniziative in programma sono proposte da realtà istituzionali come il Comune e la 1ª Circoscrizione, ma anche Questura di Verona, il CUG dell’Università e dell’Azienda Ospedaliera, la CISL. Sono protagoniste le associazioni femminili (la Consulta delle Associazioni Femminili, FIDAPA, Soroptimist, Telefono Rosa, Circolo della Rosa, Filo di Arianna, Ve.G.A., il Melograno, AIED, CIF Centro Italiano Femminile), culturali (teatro Scientifico, Estravagario Teatro, Lions Club, Quasi Fotografo), sportive (Woman Triathlon Italia, Angels in run ASD, Montorio Calcio ASD) e gli ordini professionali (Ordine degli Avvocati, Centro Studi Criminologici e Psicoforensi).

Programma_Contro_la_Violenza

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.