Veneto Sì TAV: “Blocco dei bandi, danno irrimediabile per le imprese”

Comitato infrastrutture Veneto Sì Tav
Alcuni rappresentanti del Comitato Infrastrutture Veneto Sì Tav durante una delle manifestazioni in piazza.

“Dopo l’ennesima giornata che mette in ridicolo l’Italia con i partner europei e con i dati ufficiali dell’Istat che confermano la recessione, le 22 associazioni del comitato VENETO SI TAV si uniscono alle imprese piemontesi per chiedere al governo lo sblocco immediato dei bandi TAV, opera assolutamente strategica per l’economia e il futuro dell’Italia”. Inizia così la nota diffusa pochi minuti fa dal comitato coordinato dall’imprenditore veronese Germano Zanini diffuso a livello nazionale.

Assurdo perdere i finanziamenti già erogati e con questi la credibilità del nostro paese. – prosegue la nota – Le dichiarazioni di parte del premier Conte che non ritiene l’opera strategica, sono un atto ostile alle imprese e ai lavoratori che va contro gli interessi del territorio e del Paese. Se i bandi di gara non saranno sottoscritti entro lunedì 12 l’Italia perderà i primi 300 milioni di finanziamento“.

E’ lo stesso Zanini poi a rilasciare una dichiarazione: “La TAV è un’opera fondamentale perché l’Italia ha assoluto bisogno di essere dentro la rete di trasporti del futuro tra cui i collegamenti con la Francia da sempre secondo partner commerciale dell’Italia con esportazioni che hanno superato nel 2017 i 50 miliardi”.

Il blocco della TAV avrà grandi conseguenze negative anche per Veneto che da solo realizza il 9.2% del PIL italiano perché sarà definitivamente tagliato fuori dalle grandi tratte commerciali europee da est ad ovest e dalla importantissima “via della seta – prosegue il coordinatore del comitato veneto – In caso di blocco le aziende del Comitato Veneto Si TAV scenderanno in piazza a fianco di quelle piemontesi e di tutte quelle che hanno a cuore lo sviluppo del paese”.

Costituito lo scorso dicembre da 22 associazioni nel mondo delle imprese, del sindacato, degli ordini professionali e della società civile, il COMITATO INFRASTTUTTURE VENETO SI TAV ha come unico obietto la realizzazione della TAV e delle grandi opere del Veneto vitali per il futuro delle nostre imprese e dei nostri giovani.

Il Comitato Infrastrutture Veneto è composto da: Apindustria Confimi Verona, Apindustria Confimi Vicenza, ApiDonne Verona, Confartigianato Veneto, Confartigianato Verona, Confagricoltura Verona, CISL Verona, Cisl Veneto, UIL Verona, UGL Verona, UGL Veneto, Associazione Verona Network, Federmanager Verona, Rete Popolare, Consorzio Marmisti Valdipan, Lignum – Distretto del Mobile Verona, Veneto Popolare, Rete Associazioni Veneto Eccellenze, Associazione L’Albero, Associazione Innoval.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.