Valpolicella Benaco Banca, bilancio 2020 in crescita e iniziative di solidarietà

Il Cda di Valpolicella Benaco Banca ha approvato il rendiconto al 31 dicembre che sarà proposto alla prossima assemblea dei soci e anche nel 2020 si conferma una banca solida.

Franco Ferrarini presidente Valpolicella Benaco Banca
Franco Ferrarini presidente Valpolicella Benaco Banca

Un grande impegno, quello messo in campo da Valpolicella Benaco Banca per gestire una situazione critica e del tutto nuova, capace di modificare assetti sociali ed economici, come mai avevamo visto nel passato recente. 

«Questo 2020 ci ha visti coinvolti in un’emergenza senza precedenti per tutto il sistema bancario» commenta il Presidente di Valpolicella Benaco Banca, Franco Ferrarini. «La diffusione del Covid-19 ha modificato le nostre abitudini e ha cambiato soprattutto il nostro modo di relazionarci con gli altri. E proprio in questi mesi le nostre Comunità hanno capito quanto fosse importante che una BCC e tutti i suoi collaboratori mantenessero aperto un presidio e un dialogo costante».

«La vicinanza della Banca al territorio si è espressa prima di tutto in termini di solidarietà e di iniziative mirate a fornire sostegno con donazioni per l’acquisto di apparecchiature specialistiche per ospedali e presidi sanitari locali, dispositivi di protezione individuale, materiali e attrezzature varie. Abbiamo dimostrato quanto sia importante che la banca sia solida e attiva per essere in grado di assistere il territorio, dare credito, concedere finanziamenti, fare consulenza».

«Anche su questo fonte abbiamo consolidato ottimi risultati. Il consiglio di amministrazione della nostra BCC – sottolinea Ferrarini – ha infatti approvato nei giorni scorsi i conti del 2020, che entreranno nel progetto di bilancio da sottoporre alla prossima assemblea dei soci prevista il prossimo 29 aprile. Anche quest’anno, per il perdurare delle restrizioni, l’appuntamento assembleare non si svolgerà in presenza, ma esclusivamente tramite il Rappresentante Designato».

LEGGI ANCHE Casartigiani, Prando: «Sostegni insufficienti da Governo Draghi»

I dati di un bilancio in crescita 

La raccolta dell’Istituto è cresciuta di oltre 65 milioni di euro, arrivando a 700 milioni di euro al 31 dicembre 2020, con lo stock della raccolta diretta che ha superato i 467 milioni. La raccolta indiretta è aumentata nei depositi per oltre 14 milioni di euro, registrando un saldo di 233 milioni, sostenuto principalmente da sottoscrizioni del risparmio gestito. 

Gli impieghi sono saliti a 402 milioni di euro, dai 392 del 2019, in deciso aumento, tenendo conto anche della cessione delle sofferenze per 13 milioni di euro. L’utile netto di esercizio si attesta a 1,45 milioni di euro, in linea con il risultato del 2019; molto positive le coperture dei crediti deteriorati che risultano coperti al 56,55%. Questo conferma una politica di prudenza assunta dalla Banca, in considerazione dei rischi futuri. 

Le dotazioni patrimoniali, in termini di fondi propri, ammontano a 47 milioni di euro. L’indice di patrimonializzazione TCR (Total capital ratio) è più che adeguato e nettamente superiore a quanto richiesto dalla normativa di vigilanza. A fine dell’esercizio 2020 i soci erano 3.965.

«Posso dire con soddisfazione che siamo arrivati a quota 4.000 soci ed è un traguardo importante per la nostra Banca – commenta il Presidente Ferrarini. Abbiamo lavorato bene anche in un anno particolare come il 2020, difficile sotto molti punti di vista, con il margine di intermediazione in crescita rispetto all’esercizio precedente di 1.126 mila euro, segnando un + 7,17%. Questa situazione ha confermato quanto sia importante collaborare e cooperare per arrivare ad un buon risultato; ha dimostrato quanto alcuni valori siano basilari non solo da un punto di vista personale, ma anche da un punto di vista collettivo ed economico». 

LEGGI ANCHE Cantina Giovanni Ederle: «Cominciamo a vedere la luce in fondo al tunnel»

Risposte concrete alle imprese e alle famiglie

La situazione ci ha trovato preparati e pronti ad affrontare il nuovo ed imprevedibile contesto di emergenza – aggiunge il direttore generale Alessandro De Zorzi. La nostra Banca si è attivata da subito, con risposte veloci e concrete a clienti e soci. Ha istituito un plafond di 10 milioni, di cui 5 milioni in convenzione con Confiditer e 5 milioni della Banca con garanzia MCC e ha concesso moratorie anche a persone fisiche non rientranti nei Decreti del Governo, per sostenere il territorio, le famiglie e le imprese locali. La nostra BCC ha sostenuto vari interventi a livello nazionale, attivando un gruppo di lavoro per procedere immediatamente e in maniera efficace all’applicazione del Decreto Liquidità. 

«Sono oltre 1.000 le moratorie concesse – precisa il direttore De Zorzi – non solo. Abbiamo perfezionato più di 500 richieste di finanziamenti fino a 30 mila euro per un totale di circa 12 milioni di euro, ai quali vanno aggiunti i circa 13 milioni di euro di finanziamenti erogati che non rientravano nei Decreti governativi. Il rapporto della Bcc con i clienti è diretto, consolidato nel tempo e questo ha facilitato l’iter e l’erogazione delle somme richieste».

La mutualità e il sostegno al territorio

Valpolicella Benaco Banca si è sempre dimostrata sensibile alle necessità del territorio e negli anni ha messo in atto molte iniziative di carattere sociale. Soprattutto in questo momento di incertezza sociale ed economica, ha risposto in modo concreto, mettendo in atto un’iniziativa tangibile. 

«Abbiamo deciso di destinare 10 mila euro per l’acquisto di tre tonnellate di beni alimentari da donare alle famiglie in difficoltà – annuncia il Vicepresidente della banca, Gianmaria Tommasi. «Lo facciamo tramite alcune associazioni di volontariato che operano nei nostri Comuni. Clienti e soci hanno creduto in noi anche in questo momento e ci hanno riconosciuto professionalità, competenza e velocità nelle risposte. E proprio in questi mesi la nostra comunità ha capito quanto fosse importante che una BCC e i suoi collaboratori tenessero la porta aperta. Questa presenza si è rivelata non solo essenziale dal punto di vista economico, ma anche sociale. La BCC rimane un punto di riferimento fondamentale».

Ricevi il Daily

VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO ULTIMEDIALE VERONA DAILY?

È GRATUITO! CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM