Valpolicella Benaco Banca, assemblea di bilancio il 25 giugno

A causa dell’emergenza sanitaria l'assemblea di Valpolicella Benaco Banca sarà senza la presenza fisica dei soci che possono conferire delega e istruzioni di voto al rappresentante designato notaio Andrea Lanza.

Franco Ferrarini Valpolicella Benaco Banca
Franco Ferrarini, presidente Valpolicella Benaco Banca

L’assemblea annuale di Valpolicella Benaco Banca, Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea, per l’approvazione del bilancio 2019 si terrà il 25 giugno senza la presenza fisica dei soci a causa dell’emergenza sanitaria per la pandemia dovuta al virus Covid-19. L’assemblea si terrà nella sede amministrativa della Bcc a Valgatara di Marano di Valpolicella.

I soci della Banca di Credito Cooperativo, presieduta da Franco Ferrarini e guidata dal direttore generale Alessandro De Zorzi, possono conferire la delega e le relative istruzioni di voto al rappresentante designato, ai sensi del Testo Unico della Finanza, che è il notaio Andrea Lanza.

L’assemblea è chiamata ad approvare i conti chiusi al 31 dicembre 2019, che è stato ancora un anno di crescita. La raccolta totale dell’Istituto al 31 dicembre scorso è salita di oltre 43 milioni di euro raggiungendo quota 639 milioni, con lo stock della diretta che supera i 420 milioni. La raccolta indiretta è aumentata nei depositi per oltre 12 milioni di euro registrando un saldo di 219 milioni, grazie anche alla crescita dei valori di mercato.

Gli impieghi sono saliti a 392 milioni di euro, dai 381 del 2018, con erogazioni in aumento di 50 milioni, in parte compensati da 34 milioni di rimborsi di quote di mutuo in scadenza nel corso dell’esercizio. Al totale degli impieghi si aggiungono ulteriori 30 milioni circa erogati tramite Iccrea BancaImpresa, la banca corporate del Gruppo Bancario Iccrea, assicurando così un adeguato sostegno alle attività economiche del territorio.

L’utile netto di esercizio si attesta a 1,53 milioni di euro contro i 2,23 del 2018, in leggera flessione anche in relazione alla copertura dei crediti a sofferenza che risulta pari al 72,34%, con la copertura dei crediti deteriorati del 58,52%, a livelli più che positivi e di sicurezza, in crescita rispetto allo scorso anno. Questo conferma una politica di prudenza assunta dalla banca, in considerazione dei rischi futuri.

Le dotazioni patrimoniali, in termini di fondi propri, ammontano a 40 milioni di euro. L’indice di patrimonializzazione TCR (Total capital ratio, pari al Cet1) è più che adeguato e nettamente superiore a quanto richiesto dalla normativa di vigilanza.

Continua la grande crescita dei rapporti con la clientela con un aumento di 797 conti correnti nel 2019 e un transato POS che sfiora i 95 milioni di euro, in crescita rispetto i 78 milioni del 2018.

Il margine di intermediazione, in crescita rispetto all’esercizio precedente di 557mila euro, segna un + 3,68%. A fine anno i soci erano 3.781.

Alessandro De Zorzi dg Valpolicella Benaco Banca
Alessandro De Zorzi dg Valpolicella Benaco Banca