Valpolicella Benaco Banca approvato bilancio 2018, utile netto 2,23 milioni

Nel pomeriggio di oggi ad Albarè di Costermano del Garda (sala civica del Comune) l’assemblea annuale dei soci di Valpolicella Benaco Banca. Utile netto di esercizio per la Banca di credito Cooperativo di 2,23 milioni di euro, raccolta cresciuta di oltre 31 milioni di euro, impieghi saliti a 381 milioni. Confermate le cariche uscenti.

L’assemblea della Valpolicella Benaco Banca, riunita oggi pomeriggio nella sala civica del Comune a Costermano, ha approvato il bilancio consuntivo 2018 e ha confermato le cariche sociali uscenti.

I soci della Banca di credito cooperativo, presieduta da Franco Ferrarini, hanno dato il via libera all’unanimità ai conti chiusi al 31 dicembre scorso. È stato un anno ancora di crescita e consolidamento per i conti, con impieghi, raccolta e utile in aumento e il consolidamento della già ottima patrimonializzazione. Gli indici finanziari sono stati sopra le medie di sistema.

Nel dettaglio la raccolta della Bcc è cresciuta di oltre 31 milioni di euro, di cui oltre 19 sotto forma di raccolta diretta, arrivando così a 596 milioni di euro al 31 dicembre 2018. La raccolta indiretta è aumentata nei depositi per oltre 11 milioni di euro registrando un saldo di 194 milioni, risentendo della diminuzione generalizzata dei valori di mercato. Gli impieghi sono saliti a 381 milioni di euro, dai 380 del 2017, con un aumento di erogazioni di 36 milioni, in parte compensati da 35 milioni di rimborsi di quote di mutuo in scadenza nel corso dell’esercizio. Al totale degli impieghi si aggiungono ulteriori 30 milioni circa erogati tramite Iccrea BancaImpresa, la banca corporate del Gruppo Bancario Iccrea, assicurando così un adeguato sostegno alle attività economiche del territorio.

L’utile netto di esercizio è stato pari a 2,23 milioni di euro contro i 2,16 del 2017La copertura dei crediti a sofferenza risulta pari al 74,42%, mentre la copertura dei crediti deteriorati è del 51,82%, quindi a livelli più che positivi e di sicurezza. Le dotazioni patrimoniali, in termini di fondi propri, ammontano a 39 milioni di euro. L’indice di patrimonializzazione TCR (Total capital ratio, pari al Cet1) è al 13,45%, nettamente superiore all’8,5% richiesto dalla normativa di vigilanza. Migliorati anche i rapporti con la clientela con un aumento di 840 conti correnti e un transato POS di 78,7 milioni di euro in crescita rispetto i 65,7 milioni del 2017. Nel corso dell’esercizio 2018 i soci erano 3.689. Oggi Valpolicella Benaco Banca conta 18 filiali, 91 dipendenti e quasi 3.700 soci.

Nel corso dell’assemblea sono state elette le nuove cariche sociali. Confermata all’unanimità la lista del consiglio uscente, unica che era stata presentata, con i medesimi componenti del cda in scadenza. Il consiglio di amministrazione si riunirà mercoledì prossimo, 22 maggio, per l’elezione del presidente e del vicepresidente.

È stato illustrato anche il bilancio sociale e di missione della BccI lavori assembleari sono stati preceduti dalla consegna di venti premi per soci e figli di soci che hanno conseguito la laurea o il diploma nel corso del passato anno accademico o scolastico. Oltre al riconoscimento ai giovani viene aperta una posizione previdenziale del valore di cento euro.

«L’andamento positivo dei conti del 2018 – ha detto il presidente Franco Ferrarini – è una conferma del nostro ruolo di banca di territorio e del profilo di sostenibilità nel tempo. Siamo Banca delle comunità locali, che sostiene l’economia reale preservando i valori della cooperazione e della mutualità e sostiene quotidianamente famiglie ed imprese. Abbiamo una clientela molto frazionata e diffusa, che caratterizza il nostro essere Bcc. Questo significa che la nostra realtà viene percepita come ‘la Banca delle persone’ che in questo territorio vivono, producono e si relazionano. Abbiamo lavorato bene e continueremo a farlo anche nella nuova realtà nazionale del Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea di cui siamo entrati a far parte da pochi mesi».

«I risultati positivi che emergono dal bilancio 2018 – ha detto il direttore generale Alessandro De Zorzi – sono frutto di un lavoro di squadra e di gruppo, ulteriore punto di forza della nostra realtà. Siamo una Banca attiva che promuove iniziative, eventi e progetti che fanno crescere la nostra Comunità. Nel tempo abbiamo acquisito nuova clientela e nuove quote di mercato puntando sull’attenzione e la cura del cliente, caratteristiche per noi molto importanti, sapendo unire tradizione e innovazione. I risultati evidenziano un trend positivo per il margine di interesse e un’ulteriore crescita dalle commissioni attive, con il comparto della monetica in continuo sviluppo».