Settimana Veronese della Finanza, Banco Bpm protagonista

Si è tenuta presso la Cantina Valpantena, importante polo produttivo vinicolo di Quinto di Valpantena, il primo incontro della 13° Settimana Veronese della Finanza, Economia e Lavoro organizzato da Associazione Verona Network, in collaborazione con in Consorzio Marmisti Valdipan e Associazione Innoval.

La serata, nata per favorire un dialogo operativo tra le realtà finanziarie, i risparmiatori e le imprese del nostro territorio, ha visto protagonista Banco BPM, terzo istituto di credito per importanza in Italia con oltre 2.300 sportelli, che ha chiuso l’esercizio 2018 con una perdita di 59,5 milioni di euro.

Dopo il saluto di benvenuto di Luigi Turco, presidente della Cantina sociale e il saluto di Arturo Alberti, sindaco di Grezzana e Matteo Scolari, presidente dell’Associazione Verona Network, il presidente di Banco BPM Carlo Fratta Pasini e il direttore territoriale nord-est Leonardo Rigo hanno illustrato alla platea costituita da soci risparmiatori, imprenditori, giovani e cittadini, l’andamento e i progetti futuri di Banco BPM.

Dichiara il presidente Fratta Pasini: “Negli ultimi due anni abbiamo consolidato la fusione, possiamo dire che i risultati sono molto buoni nonostante i rischi che abbiamo affrontato (crediti deteriorati, vicenda diamanti) senza aiuti dall’esterno. Ora siamo allineati alla media delle banche europee ed italiane con una forte esposizione ai sistemi produttivi nazionali. Banco BPM nel 2019 si presenta alla pari con i migliori concorrenti, anche se sul versante dell’economia in generale ci sono delle criticità. Nel primo semestre prevediamo operazioni significative, ci aspettiamo comunque un anno diverso dai precedenti.”

Dichiara Leonardo Rigo, direttore territoriale Nord Est, sulle ripercussioni della fusione nel rapporto col territorio: “È evidente che la fusione tra due banche storiche come Banco Popolare e Banca Popolare di Verona abbia bisogno di trovare un nuovo equilibrio. In realtà Verona resta la sede della direzione territoriale del Nord Est e segue il Veneto, il Friuli, il Trentino, parte della provincia di Mantova, quindi il territorio storico di Banca Popolare di Verona. Ad oggi il potere creditizio e la gestione delle relazioni territoriali è tale per cui Verona è la capitale di questo territorio”.

Il secondo evento della 13° settimana della finanza si terrà giovedì 4 aprile alle ore 18.00 con Cattolica Assicurazioni, presso il Fab Lab di Grezzana Verona.