Made in Italy in Russia: -1,3 miliardi in quasi sette anni

A causa dell’embargo deciso da Putin che tuttora colpisce una importante lista di prodotti europei, l'agroalimentare italiano ha perso 1,3 miliardi di euro di esportazioni negli ultimi sei anni e mezzo.

Vladimir Putin
Vladimir Putin

Le esportazioni agroalimentari Made in Italy in Russia hanno perso oltre 1,3 miliardi negli ultimi sei anni e mezzo a causa dell’embargo deciso da Putin che tuttora colpisce una importante lista di prodotti europei con il divieto all’ingresso di frutta e verdura, formaggi, carne e salumi, ma anche pesce, come ritorsione alle sanzioni dell’Unione Europea.

È quanto emerge da un’analisi della Coldiretti in riferimento alla minaccia Ue di inasprire le sanzioni contro la Russia per l’arresto del leader dell’opposizione russa Aleksei Navalny. L’agroalimentare italiano – spiega la Coldiretti – è l’unico settore tuttora colpito direttamente dall’embargo deciso dalla Russia con decreto n. 778 del 7 agosto 2014 e più volte rinnovato che ha portato al completo azzeramento delle esportazioni in Russia dei prodotti presenti nella lista nera, dal Parmigiano Reggiano al Grana Padano, dal prosciutto di Parma a quello San Daniele, ma anche frutta e verdura. 

Il settore agroalimentare – conclude la Coldiretti – non può continuare ad essere merce di scambio nei contenziosi politici ed economici anche in considerazione del pesante impatto che ciò comporta soprattutto alla luce delle tensioni legate all’emergenza Covid.

LEGGI GLI ALTRI ARTICOLI DI ECONOMIA