Lotteria degli scontrini, l’incentivo al pagamento elettronico

I consumatori potranno partecipare alla lotteria degni scontrini a partire dall'1 gennaio 2021 solo ed esclusivamente se effettuano gli acquisti con strumenti di pagamento elettronici. Registrandosi al portale è possibile avere diritto a un biglietto "virtuale" per ogni euro speso.

scontrini lotteria degli scontrini evasione fiscale scontrino ricevuta fiscale

A seguito delle novità introdotte dalla legge di bilancio 2021, i consumatori potranno partecipare alla lotteria degni scontrini a partire dall’1 gennaio 2021, solo ed esclusivamente se effettuano gli acquisti con strumenti di pagamento elettronici (carte di credito, bancomat, ecc.). Per poter partecipare i consumatori dovranno registrarsi sull’apposito portale dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli attivo dal primo dicembre ed ottenere il cosiddetto “codice lotteria” che deve essere esibito alla cassa quando si effettua un pagamento. Affinché il consumatore possa partecipare alla lotteria è necessario che, prima che venga emesso lo scontrino, chieda al negoziante di abbinare allo scontrino che sta per battere il proprio “codice lotteria”.

Leggi anche: Spi Cgil: «In Veneto la lotta all’evasione è un fiasco»

Commercianti ed esercenti, invece, per poter far partecipare i propri clienti alla lotteria devono avere un Registratore Telematico adeguato a ricevere il “codice lotteria” (attualmente, su circa 1.400.000 Registratori Telematici installati poco più della metà sono stati aggiornati). Si precisa che non ci sono sanzioni a carico dell’esercente che non ha ancora il Registratore Telematico aggiornato e non potrà, quindi, far partecipare i propri clienti alla lotteria.

Ogni acquisto genera un numero di “biglietti virtuali” che consentono di partecipare alla lotteria: ogni euro speso dà diritto a un biglietto virtuale, fino a un massimo di mille biglietti per un acquisto pari o superiore a mille euro.

I premi

Come detto, la legge di bilancio 2021 (attualmente all’esame della Camera) introduce la “lotteria degli scontrini” solo per gli acquisti effettuati con strumenti di pagamento elettronici (quindi non in contanti). Prima di tale modifica erano previste estrazioni “ordinarie” (per i pagamenti effettuati in contanti) ed estrazioni “zero contanti” (per i pagamenti effettuati con carte di credito e bancomat). Le estrazioni “ordinarie” prevedono: un premio da un milione di euro per il vincitore dell’estrazione annuale; tre premi da trentamila euro ciascuno per i vincitori delle estrazioni mensili; sette premi da cinquemila euro ciascuno per i vincitori delle estrazioni settimanali. I premi delle estrazioni “zero contanti” sono più alti e sarà premiato anche il negoziante. In particolare, sono previsti: due premi per l’estrazione annuale (un premio da cinque milioni di euro per il consumatore, un premio da un milione di euro per l’esercente); venti premi per le estrazioni mensili (dieci premi di centomila euro ciascuno ai consumatori, dieci premi di ventimila euro ciascuno agli esercenti); trenta premi per le estrazioni settimanali: quindici premi di 25mila euro ciascuno per i consumatori e quindici premi di cinquemila euro ciascuno per gli esercenti. Pertanto, se nel corso dell’iter parlamentare della legge di bilancio, non ci dovessero essere modifiche alla norma, dovrebbero essere previste solo le estrazioni “zero contanti” (ossia quelle previste per i pagamenti effettuati con carte di credito e bancomat e che premiano anche i negozianti). La vincita verrà pagata dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, esclusivamente, mediante bonifico bancario o, per i soggetti sforniti di conto bancario, con assegno circolare non trasferibile. Tutte le vincite sono esenti da imposte. Non partecipano alla lotteria gli scontrini relativi ad acquisti effettuati on-line (commercio elettronico).

LEGGI TUTTE LE NEWS DI ECONOMIA