Lotteria degli scontrini, Confcommercio: «Nasce zoppa»

Prenderà il via domani la lotteria degli scontrini, l'iniziativa per incentivare i pagamenti elettronici, ma secondo Confcommercio sono ancora molte le falle: poche le attività pronte, scarso l'interesse dei cittadini e i consumi in crisi.

scontrini lotteria degli scontrini evasione fiscale scontrino ricevuta fiscale

La lotteria degli scontrini, che Confcommercio aveva chiesto di prorogare al 2022, nasce zoppa, secondo la stessa Confcommercio, per tre motivi: sono poche le attività pronte; il momento è sbagliato perché i consumi sono in crisi; non c’è l’interesse delle persone verso questa iniziativa, al via domani.

Leggi anche: Spi Cgil: «In Veneto la lotta all’evasione è un fiasco»

C’è un aspetto tecnico non secondario, legato all‘installazione degli strumenti necessari per adeguare i registratori di cassa, aggiunge Confcommercio Verona: le attività che devono mettersi a regime in Italia sono più di un milione e le società che devono fornire gli strumenti (lettore e chip) avranno difficolta a istallarle in tempi rapidi. Inoltre non va dimenticato il costo per l’adeguamento dei registratori, tra i duecento e trecento euro, a carico delle imprese.

L’operazione, per risultare efficace, deve suscitare l’interesse del cliente: interesse che al momento non si percepisce. E poiché si tratta di un’operazione di Stato andrà pubblicizzata, con costi significativi: spendere soldi pubblici per un’iniziativa che non ha successo, o parte nel momento sbagliato – commenta Confcommercio Verona – è un errore ingiustificabile.

Per Confcommercio Verona «la lotteria dovrebbe partire una volta finita l’emergenza, quando si sarà tornati a pieno regime: la proroga è necessaria per problemi tecnici oggettivi ma anche per non sprecare risorse pubbliche, facendo partire un’iniziativa debole e zoppa».