L’Italia resta indietro nella ripresa economica

Sono quattro le categorie principali del rapporto sulla competitività del World Economic Forum "Global Competitiveness Report": l'ambiente favorevole, il capitale umano, i mercati e l'innovazione. Sul podio Svezia, Finlandia e Olanda, ritardo di nove priorità su undici per l'Italia.

ansa
Participants walk trough the halls during the 49th annual meeting of the World Economic Forum, WEF, in Davos, Switzerland, 24 January 2019 (reissued 07 December 2020). The next WEF will take place in Singapore in spring 2021, not in Switzerland, like the previous years, media announced on 07 December 2020. EPA/GIAN EHRENZELLER

L’Italia resta indietro nella capacità di resilienza e di ripresa dell’economia. È quanto emerge dal rapporto sulla competitività del World Economic Forum “Global Competitiveness Report” in cui si rileva che per quanto la maggior parte dei Paesi non sia ancora pronta per la trasformazione, l’Italia è in ritardo in nove delle undici priorità identificate. I due aspetti in cui l’Italia è relativamente meglio preparata sono la disponibilità al quadro della concorrenza e gli incentivi a dirigere le risorse finanziarie verso investimenti e inclusione a lungo termine

Leggi anche: Recovery Plan e green, Cubi: «Bisogna semplificare la burocrazia»

A fronte dell’eccezionalità della crisi attuale innescata dalla pandemia, quest’anno il Wef ha “sospeso” le classifiche tradizionali sul grado di competitività dei Paesi «per delineare le priorità per la ripresa e il rilancio e fornire una valutazione di come i Paesi sono pronti per una trasformazione economica verso sistemi che combinano produttività, capitale umano e ambiente». Nel report viene evidenziato che Paesi con economie digitali avanzate, robuste reti di sicurezza sociale e solidi sistemi sanitari hanno gestito la pandemia in modo più efficace anche se nessuno è rimasto indenne all’impatto del Covid. Tra le principali fragilità e carenze riscontrate in Italia vengono individuati investimenti in ricerca e sviluppo e in innovazione, ma anche formazione, inclusione e regime fiscale che dovrebbe diventare “più progressivo”.

Leggi anche: Le imprese green resistono meglio alla crisi

«Il Wef ha incoraggiato a lungo i responsabili politici ad allargare la loro attenzione oltre la crescita a breve termine – commenta il presidente Klaus Schwab -. Questo rapporto chiarisce le priorità per rendere le economie più produttive, sostenibili e inclusive quando si esce dalla crisi. La posta in gioco per trasformare i nostri sistemi economici non potrebbe essere più alta». Le undici priorità identificate sono state raggruppate in quattro categorie principali: l’ambiente favorevole, il capitale umano, i mercati e l’innovazione. Tra le economie meglio preparate ci sono Svezia, Finlandia, Olanda, Nuova Zelanda e Svizzera mentre l’Italia resta in coda fra i maggiori Paesi industrializzati con un punteggio di appena 51,9 su 100. Restando in Europa, la Germania ottiene un giudizio pari a 62,9, la Francia a 62,7 e anche Spagna e Portogallo si piazzano meglio attestandosi rispettivamente su 56,5 e 56,1. (Ansa)