Le imprese veronesi crescono: i dati della Camera di Commercio

Sono stati comunicati dalla Camera di Commercio i dati relativi alla situazione economica delle imprese nell’area di Verona e provincia. Un bilancio positivo che registra una crescita complessiva dello 0,3% rispetto allo scorso anno.

L’analisi è stata effettuata dal 31 dicembre del 2017 fino ad ora, includendo i primi 9 mesi dell’anno in corso. Lo stock d’unità totale è pari a 96.669.  Stando all’indagine, agricoltura, industria, costruzioni e commercio si sono caratterizzati da cali che vanno dallo 0,1 al 0,6% (soltanto per l’industria), fino a un -1,2% per le imprese.

“Siamo in una situazione di stabilità, di certo di ripresa vigorosa si può parlare solo per i servizi” commenta il Presidente della Camera di Commercio di Verona, Giuseppe Riello.  Come è evidente dal report, le più penalizzate appaiono le imprese del settore manifatturiero.

Elaborazione Servizio Studi e Ricerca Camera di Commercio di Verona su dati Infocamere.

Le imprese agricole sono stabili a 15.667 unità, così come quelle delle costruzioni, 14.267, e del commercio, 20.332. Questi ultimi due comparti segnano un -0,2% mentre va concentrandosi l’attività di gestione dei rifiuti e fornitura di acqua con 145 unità, il 3,3% in meno. La liberalizzazione del mercato dell’energia elettrica e del gas ha avuto comeeffetto un incremento delle unita economiche del 4,1%.

Sono in crescita dello 0,5% le imprese del comparto dell’autotrasporto, che raggiunge le 3.265 unità; inoltre si nota un incremento del 2,7% delle imprese di estrazione. Questo è un segnale veramente positivo, tenuto conto della crisi di competitività che sta caratterizzando i mercati stranieri nel settore del marmo.

Attraverso questi dati è visibile una terziarizzazione dell’economia, probabilmente dovuta allo sviluppo del turismo, grazie ai tangibili incrementi di attività economiche legate all’accoglienza, e all’entertainement ma anche alla creazione di una rete di fornitori di servizi alle imprese che sono in fase di sviluppo.

Sono in forte crescita, del 2,7%,  i servizi di informazione e comunicazione, +2,7%, così come le attività professionali, scientifiche e tecniche, al + 3,4%. Verona si conferma piazza finanziaria importante con 2.041 attività di intermediazione finanziaria e assicurativa, in aumento dell’1,7%.

Molto positivo risulta anche il settore dell’istruzione, che cresce del 5%, ma anche quello dei servizi alla persona, come sanità e assistenza sociale, che realizza un aumento del 3,8%.

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.