Le associazioni di categoria incontrano il sindaco di San Bonifacio

I rappresentanti di Confcommercio e Confartigianato hanno incontrato alla vigilia di Pasqua il sindaco di San Bonifacio Giampaolo Provoli e l’assessore ai tributi e alle attività produttive Simona De Luca chiedendo la massima attenzione nei confronti delle categorie rappresentate.

Giampaolo Provoli, Sindaco di San Bonifacio
Giampaolo Provoli, Sindaco di San Bonifacio

Commercianti, esercenti e artigiani di San Bonifacio lanciano l’Sos all’amministrazione comunale: i rappresentanti di Confcommercio (il vicepresidente di delegazione Gianni Piubello e il funzionario Paolo Caldana) e Confartigianato (Devis Zenari e Paride Geroli), hanno incontrato alla vigilia di Pasqua il sindaco Giampaolo Provoli e l’assessore ai tributi e alle attività produttive Simona De Luca chiedendo la massima attenzione nei confronti delle categorie rappresentate sotto forma di sostegno alle istanze, agevolazioni e riduzioni della tassazione locale

«I nostri settori sono ormai da un anno chiusi o fortemente limitati e ancora non si ha un’idea di come e quando si potrà riaprire», hanno spiegato gli esponenti di Confcommercio Verona e Confartigianato. I rappresentanti di Confcommercio Verona hanno poi «ringraziato per la sensibilità fin qui dimostrata dall’amministrazione anche sul fronte dei controlli, declinati in senso informativo e non punitivo», esprimendo nel contempo «forte preoccupazione per il futuro». Piubello ha chiesto inoltre all’amministrazione di «sostenere anche quest’anno le attività commerciali soprattutto abbassando la Tari, un’operazione più che mai necessaria per cercare di contenere i gravissimi danni economici che derivano e deriveranno dalle misure restrittive legate all’emergenza sanitaria».

Il sindaco Provoli ha ringraziato le associazioni di categoria «che hanno fatto da collegamento e interprete per le svariate disposizioni legislative e cercato di spiegare l’importanza del rispetto delle regole per una convivenza serena», dichiarando quindi senza mezzi termini di sostenere Confcommercio e Confartigianato nelle loro rimostranze, «assolutamente corrette con l’obiettivo di ottenere una urgente riapertura di tutte le attività, ormai improcrastinabile».

Gli artigiani

«Il rischio – ha aggiunto il primo cittadino – è la chiusura definitiva di tantissime attività, in particolare di quelle dei centri storici, anche a San Bonifacio». Con riferimento all’allegato 23, che specifica quali attività possono restare aperte, Provoli ha sottolineato come le diverse interpretazioni generino confusione «tanto che qualcuno può alzare la saracinesca a discapito del negozio a fianco che risulta nelle medesime condizioni: per questo, credo sarebbe più corretto consentire l’apertura a tutti nel rispetto delle norme, un rispetto in cui i commercianti sono ormai maestri».

Per quanto riguarda gli artigiani, il sindaco ha citato quelli più in difficoltà a partire da coloro che prestano servizi legati al benessere alle persone, dai parrucchieri alle estetiste: «Non risulta più sopportabile lo sciacallaggio di coloro che vanno nelle case ad operare tagli di capelli o altro, talvolta in nero. Ciò costituisce, oltre che un danno, anche una beffa per coloro che in questi momenti stanno soffrendo».

I tagli sulla Tari

Provoli quindi ha preso atto «del grande senso di responsabilità di commercianti e artigiani di San Bonifacio: nell’incontro, pur con parole dure a causa della situazione economica, non hanno mai ecceduto o propugnato il non rispetto delle regole e ciò fa onore a loro e alle categorie che li rappresentano». E ha concluso auspicando che governo centrale e Regione «mettano gli amministratori locali nelle condizioni di offrire un ristoro operando con scontistiche in particolare sulla Tari, che incide pesantemente sulle attività costrette a rimanere chiuse: nel 2020 il Comune di San Bonifacio ha tagliato la Tari per un milione di euro».

Sul tema Tari è intervenuta anche l’assessore De Luca, che ha parlato anche di agevolazioni per plateatici e contributi a ristoro dell’Imu per chi applica scontistiche sugli affitti. «Non abbiamo ancora il piano finanziario sulla Tari – ha spiegato – ma puntiamo a ripercorrere la strada dello scorso anno attivando agevolazioni su utenze domestiche e non domestiche, leva importante per aiutare commercianti ed artigiani».

LEGGI LE ULTIME NEWS DI ECONOMIA

Ricevi il Daily

VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?

È GRATUITO! CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM