Il lavoro? Si cerca in gruppo

È un progetto sperimentale, promosso da poche amministrazioni della provincia veronese. In prima fila il Comune di Grezzana che ha portato a termine la “prima avventura” a fine aprile e ha tutte le intenzioni di replicare. La formula vincente? Il Job Club non offre lavoro alle persone ma le mette, piuttosto, in condizione di riuscire a trovarlo da sole.

Piccoli gruppi di 8-12 persone che si aiutano nella ricerca di lavoro, coordinati da un trainer professionista certificato e seguendo, passo per passo, il “manuale Job Club“, ovvero un programma dettagliato di 10 incontri a cadenza settimanale. Questo è in sintesi il progetto.

Ogni focus è dedicato a un tema diverso legato a doppio filo con la ricerca attiva del lavoro e prevede contenuti teorici, esercizi pratici, spazio di confronto, scambio di contatti e informazioni. Chiunque può̀ farne parte, e si può̀ organizzare in qualsiasi sala riunioni con solo carta e penna.

Per Alessandra Nicolis, trainer certificata che ha seguito i partecipanti in questa prima avventura, è «un nuovo approccio al mercato del lavoro. Oggi compilare e spedire un CV non è più sufficiente: bisogna darsi da fare, presentarsi, farsi conoscere, spargere la voce e, soprattutto, avere le idee chiare su quello che si offre come professionista e sul tipo di occupazione che si vuole trovare».

Per il Comune di Grezzana i partecipanti sono stati 11, di cui già a metà percorso 1 ha trovato lavoro, 3 hanno fatto dei colloqui, 2 stanno pensando di mettersi in proprio e 2 hanno iniziato dei corsi di formazione. I partecipanti sono entusiasti, tanto che la presenza è sempre stata del 100%. «Grazie al Job Club ho migliorato la conoscenza delle mie competenze e delle mie potenzialità, inoltre, mi ha permesso di creare una rete di contatti grazie alla quale ho reperito utili informazioni sulla professione che vorrei svolgere» il bilancio di Andrea G., uno dei partecipanti,  è decisamente positivo. Bisogna chiarirlo: il JC non offre lavoro alle persone ma le mette, piuttosto, nelle condizioni di riuscire a trovarlo in autonomia. Ciascuno compie il suo percorso personale sostenuto dal gruppo.

Federica Maria Veronesi

«Appena abbiamo saputo del bando della Fondazione Cariverona ci siamo mossi per partecipare e abbiamo portato a casa i fondi per il progetto – chiarisce Federica Maria Veronesi, assessore alle Politiche attive per il Lavoro – Il Comune in questa prima parte del mandato è stato molto attento al tema Lavoro, tanto che abbiamo creato lo “Sportello Lavorodove si possono rivolgere sia chi è in cerca di lavoro che le imprese che lo offrono:  abbiamo preso parte al Patto Territoriale per il Lavoro e portato avanti un progetto di formazione ed inserimento lavorativo con la Cooperativa Insieme».

Un’iniziativa rosea anche nei risultati e  pronta a replicare «Anche stavolta la teoria di base del Job Club è stata confermata: 11 persone che tra loro hanno in comune solo la ricerca di lavoro, si sono conosciute e hanno costruito un network nel quale si scambiano consigli, opinioni e segnalazioni. Sono uscite dall’isolamento e hanno trovato forza e stimoli insieme» precisa Nicolis. «Vista l’esperienza più che positiva di questa prima edizione, siamo già al lavoro per proporne un’altra a partire da settembre».

Per partecipare o saperne di più scrivere a:  jobclub@comune.grezzana.vr.it