Sviluppare un’impresa all’estero, consigli per farlo al meglio

Un imprenditore che vuole ampliare il proprio mercato all’estero deve considerare alcuni accorgimenti, la doppia imposizione, per esempio. Si è cercato di fare chiarezza sull’argomento ieri in occasione di un incontro organizzato da Studium

Ampliare il proprio mercato all’estero oggi è un’opportunità per gli imprenditori, che però devono considerare molti aspetti. Ne è un esempio la doppia imposizione, che rischia di tassare due volte i redditi prodotti all’estero: una volta nel paese di produzione, e un’altra in Italia.

Per fare luce sull’argomento e rendere consapevoli gli imprenditori che volessero intraprendere questa strada, Studium, un network internazionale di fiscalisti e avvocati nato a Verona allo scopo di fare cultura d’impresa nel settore dell’internazionalizzazione, ha organizzato un convegno che ha avuto come relatori alcuni commercialisti di diversi Paesi.

Ciò che è emerso è che la percentuale di imprese italiane e Pmi che esportano e che hanno una presenza all’estero, è ancora oggi molto bassa.