Radio Adige “rivive” grazie a Finval e Verona Network

Matteo Scolari - Radio Adige

La public company veronese con i suoi 85 soci del territorio ha annunciato nel corso dei festeggiamenti per il decennale del giornale Pantheon di aver acquistato lo storico marchio radiofonico e di rilanciare con un aumento di capitale un innovativo progetto di comunicazione digitale.

Radio Adige riprenderà le trasmissioni, anche se con nuove forme e per mezzo di nuovi strumenti. La storica emittente radiofonica di proprietà della famiglia Grigolini, protagonista sulla scena scaligera per più di 40 anni, dopo l’interruzione delle trasmissioni e la cessata attività di redazione dello scorso giugno per la vendita delle frequenze a un gruppo nazionale, trova continuità grazie a Finval (Finanziaria Valpantena-Lessinia), società già presente nel settore editoriale e multimediale con i brand Verona Network, Giornale Pantheon e Verona Network social TV.

La public company nata nel 2010, composta da 85 soci, di cui 35 imprese primarie del territorio veronese e 50 soci privati, ieri sera nel corso dei festeggiamenti in Villa Arvedi, a Grezzana, per il decennale del giornale Pantheon, ha annunciato l’acquisizione del brand e la conseguente ripresa, a partire dal 2018, delle attività di comunicazione e di informazione su piattaforme digitali e multimediali.

Un investimento da parte della Finanziaria presieduta dall’imprenditore Germano Zanini che segue di un anno circa quello di Lucense 1923, una vecchia centrale idroelettrica di Montorio oggi ripristinata che fornisce energia elettrica ad oltre 300 persone.

L’acquisizione del marchio Radio Adige rientra nel piano industriale 2018-2020 di Finval ed è stata effettuata per mezzo della controllata Infoval Srl, società editrice già proprietaria della testata giornalistica Pantheon, dei relativi canali social e della social TV, sulla quale è stato sottoscritto in data odierna, da parte dei soci, un importante aumento di capitale con l’entrata di nuovi prestigiosi soci.

Radio Adige, che si aggiunge alla grande famiglia del Gruppo Verona Network e che porta in dote una app già esistente e scaricabile per piattaforme Ios e Android, rivivrà quindi su nuovi strumenti, proiettati verso il futuro della comunicazione.

«Finval, fin dalla sua nascita, ha sempre avuto l’obiettivo di finanziare e lanciare nuove start up sul territorio scaligero – afferma il presidente Germano Zanini. – Dopo gli investimenti nel settore energia con il progetto pionieristico rappresentato dalla cooperativa fotovoltaica Energyland, a Orsara di Grezzana, e il più recente intervento di Montorio con Lucense 1923, abbiamo scelto di consolidare fortemente la presenza nel settore della comunicazione. Ambito in cui crediamo da tempo, avendo tra le nostre controllate proprio la Infoval Srl, società che da dieci anni svolge attività di informazione sul territorio con i canali del Gruppo Verona Network, tra cui la testata Pantheon».

«Abbiamo ritenuto opportuno valutare l’acquisizione dello storico brand radiofonico  Radio Adige innanzitutto perché ci sembrava davvero un peccato lasciar cadere nell’oblio un marchio così importante per Verona e i veronesi – sottolinea sempre Zanini – e poi perché riteniamo che un certo tipo di attività che fino a ieri correva con ottimi risultati sulle frequenze in FM, possa trovare continuità con nuove forme e nuovi strumenti che in futuro avranno sempre maggior peso nel settore della comunicazione».

«Per noi è un orgoglio immenso poterci fregiare di un brand che ha fatto la storia della comunicazione sul territorio veronese – conclude Matteo Scolari, direttore della rivista Pantheon – sentiamo il carico di responsabilità di un’esperienza di oltre 40 anni di storia e professionalità che cercheremo di onorare al meglio rilanciando grazie ai nuovi strumenti della comunicazione digitale. Già da gennaio andremo ad implementare la app con nuovi contenuti e nuove funzioni. Sarà la piattaforma di atterraggio e il punto di riferimento per tutte le prossime attività del Gruppo Verona Network».