Centinaio: “Accordi internazionali per abbattere la contraffazione”

Si è tenuta stamane a Verona la sessione pubblica della 27^ Convention mondiale delle Camere di Commercio italiane all’estero con la partecipazione di oltre 170 delegati, rappresentanti di ben 75 camere di commercio di 55 paesi. Flussi commerciali, reti, infrastrutture e made in Italy sono stati i temi principali affrontati durante la mattinata, alla quale ha partecipato anche il ministro alle politiche agricole alimentari e forestali e del turismo Gian Marco Centinaio, il quale ha parlato proprio del tema della contraffazione dei prodotti e dell’importanza di far conoscere le eccellenze italiane all’estero.

“Bisogna promuovere sempre di più prodotti di qualità in giro per il mondo, ma anche portare i buyer in Italia per fargli capire come e da chi vengono prodotte le nostre eccellenze, conoscere i territori da dove arrivano le produzioni italiane. – ha dichiarato il ministro –  La differenza rispetto agli altri competitor internazionali non consiste solo nel prodotto in sé, ma anche in chi lo fa e nella passione che ci mette. Le Camere di Commercio all’estero, in questo, hanno ruolo fondamentale”.

Il ministro ha fatto poi riferimento al dipartimento dell’ICQRF (Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari) con il quale il governo italiano sta prendendo accordi con i grandi distributori internazionali per tutelare il made in Italy, uno degl ultimi casi riguarda proprio quello che vede coinvolto, nel veronese, il Consorzio della Valpolicella.