Il Ministero lancia il piano per ridurre i consumi, in casa limite a 19°C

Pubblicato dal Ministero della Transizione ecologica il "Piano nazionale di contenimento dei consumi di gas naturale". Per le abitazioni private, limiti a 19°C.

termosifone riscaldamento

Il Governo conferma gli impegni di decarbonizzazione per il 2030, che anzi assumono in questa fase un’ulteriore rilevanza ai fini strategici dell’aumento della indipendenza energetica.

L’insieme delle misure di diversificazione illustrate nel Piano pubblicato oggi dal Ministero della Transizione ecologica «consentirà nel medio termine (a partire dalla seconda metà del 2024) di ridimensionare drasticamente la dipendenza dal gas russo e comunque di ridurre l’uso del gas in generale».

Ferme restando tali iniziative, nel breve termine, «al fine di risparmiare gas e evitare il più possibile un eccessivo svuotamento degli stoccaggi nazionali anche in previsione della stagione 2023-2024, è comunque opportuno attuare un Piano nazionale di contenimento dei consumi di gas, in linea con le indicazioni della Commissione europea, così come recentemente definite nel Regolamento (UE) 2022/1369 del 5 agosto 2022».

CLICCA QUI PER LEGGE IL PIANO COMPLETO

LEGGI ANCHE: Installato a Verona un sistema di irrigazione degli alberi con sacchi di acqua

Limiti al riscaldamento

Si legge, nel piano: «La riduzione dei consumi promossa regolamentando il funzionamento degli impianti di riscaldamento sarà attuata entro il mese di settembre 2022 modificando la vigente regolamentazione della temperatura e dell’orario di accensione invernale attraverso un decreto del Ministro della Transizione Ecologica».

Si tratta di regolare gli impianti di attività industriali, artigianali e assimilabili sui 17°C, con due gradi di tolleranza in più o in meno, mentre per quanto riguarda tutti gli altri edifici sui 19°C, sempre con due gradi di tolleranza.

LEGGI ANCHE: Al Consorzio ZAI il Premio Verona Network 2024